BMW Vision DC Roadster, come sarebbe il boxer se fosse elettrico

Si tratta di un concept, ma potrebbe anticipare qualche soluzione che vedremo sulle naked di BMW del futuro

25 giugno 2019 - 17:59

Immagina, puoi. Anche se è difficile, anzi ai limiti del possibile “tradurre” in elettrico il motore due cilindri boxer, in BMW Motorrad ci hanno provato. Il risultato è quello che si può vedere in queste immagini che ritraggono la Vision DC Roadster. Di cosa si tratta? Di un concept di naked del futuro a trazione, appunto, elettrica. Una soluzione non nuova per BMW, già sul mercato dal 2014 con lo scooter C Evolution. BMW non è la prima tra le “big” a mostrare interesse per la trazione elettrica. Chi più chi meno si sta cimentando con questa soluzione. Da Harley-Davidson, con la sua Livewire (che proveremo presto in anteprima) a Yamaha con la sua Trial elettrica, aa Honda che alla chetichella sta sondando il terreno con la Mugen che corre al TT

Dal motore al pacco batterie

In una moto “tradizionale”, l’elemento totalizzante è il motore: influenza l’estetica, la dinamica, l’ergonomia. Questo ruolo, nella moto elettrica, è recitato dal pacco batterie, ovvero l’elemento di gran lunga più pesante e ingombrante.

Ecco perché gli ingegneri di BMW l’hanno messo in posizione verticale con orientamento longitudinale, mentre ai lati si fanno notare (richiamando idealmente l’estetica del boxer) le nervature di raffreddamento con i ventilatori integrati. Quanto al motore, è posizionato sotto la batteria ed è collegato direttamente all’albero di trasmissione.

Materiali leggeri

Nel ribadire che si tratta di un concept e che il modello di produzione, probabilmente, presenterà non poche differenze, per la Vision DC Roadster BMW ha usato materiali come l’alluminio (fresato) per il telaio e la fibra di carbonio per diversi elementi, mentre dal punto di vista della “scenografia” vale la pena segnalare come gli elementi di raffreddamento si spostino leggermente in avanti per segnalare che la moto è pronta per partire.

Ancora, il minimalismo ha guidato il design delle luci: quella diurna a LED anteriore ha forma di U, mentre due lenti LED compatte su ciascun lato costituiscono i fari abbaglianti e anabbaglianti. Non mancano infine scritte fluorescenti sui pneumatici, creati appositamente da Metzeler.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Honda ADV 150
L’adventure scooter si fa piccolo

Moto Guzzi Open House 2019

Prova Rieju NUUK 110
L’anticonformista