EICMA, le prime novità del Gruppo Piaggio

Vespa 946, Moto Guzzi California 1400, Aprilia Caponord 1200 e RSV4 R ABS. Sono queste le novità che il Gruppo Piaggio porterà a EICMA 2012. In attesa di sapere tutto di loro, ve le mostriamo in anteprima. Tenete caldi i motori!

Scopre le carte – ma non del tutto – il Gruppo Piaggio, che a pochissimi giorni dall’apertura dei cancelli di EICMA 2012 rilascia le prime foto ufficiali delle sue novità più importanti. Prima fra tutte (e probabili star dell’evento meneghino) la Vespa 946, lanciata lo scorso anno come concept e arrivata in versione definitiva senza perdere un briciolo del suo incredibile appeal. Ma c'è anche la Moto Guzzi California 1400, progetto new age di una vera e propria icona per la Casa di Mandello.

Quello che possiamo dire al momento è che la California sarà declinata in due versioni, Touring e Custom, con altrettante differenti anime, più turistica la prima, più sportiva la seconda. Tutta nuova la ciclistica, tutto nuovo il motore dotato di ride by wire, cruise control, ABS, controllo di trazione. La moto sarà costruita a Mandello del Lario.

La Vespa 946, invece, fa un tuffo nel passato con un design pazzesco che la pone sicuramente tra le principali candidate a prodotto più bello di EICMA 2012. L’anno scorso l’arrivo del concept fu un fulmine a ciel sereno, oggi Piaggio dimostra che la 946 è riuscita a farla davvero. Arriverà, di serie, con un motore (il nuovo 125 tre valvole) capace di 55 km/litro.

Aprilia Caponord è un nome che torna e lo fa con una moto che ha tutta l’intenzione di recitare un ruolo da protagonista nel segmento crossover. Il progetto nasce da una costola della Dorsoduro 1200 ma se ne distacca subito proponendo, per la prima volta in casa Aprilia le sospensioni semiattive ADD, tecnologia che si sta diffondendo rapidamente sulle moto più moderne ed evolute.

Last but not least la RSV4 R ABS. Abbiamo da pochissimo provato la sorella Factory ed era perfino scontato attendersi che l’evolutissimo ABS Multimappa arrivasse ad affiancare il sistema APRC (evoluto come sulla Factory) anche sulla versione meno elitaria della V4 di Noale. Anche per lei arrivano tutti gli aggiornamenti di ciclistica e di motore che portano la potenza a 184 cv.