Harley-Davidson, rivoluzione 2018

23 agosto 2017 - 23:08

Si parla spesso, troppo spesso, di rivoluzione. Quasi sempre a sproposito. Questa volta, però, le motivazioni ci sono tutte. E sono fatte di metallo, cromature, pistoni e storia. Harley-Davidson ribatte alle accuse di scarsa vivacità sul mercato con una offensiva senza precedenti, persino superiore per numero di novità al Project Rushmore che ha cambiato in profondità la gamma Touring, e al lancio della nuova motorizzazione Milwaukee-Eight, altro passaggio epocale per l’azienda di Milwaukee, giunta a festeggiare il 115° anniversario.

La prima novità è la sostanziale scomparsa della famiglia Dyna, a favore della gamma Softail completamente rivista e forte di otto modelli del tutto inediti. Prima di parlarne in dettaglio, e soprattutto di poterli guidare, presumibilmente entro settembre 2017, è opportuno rimarcare i punti in comune tra i nuovi modelli, che sono Fat Boy, Heritage Classic, Low Rider, Slim, Deluxe, Breakout, Fat Bob e Street Bob.
Softail, telaio e forcellone
Il telaio è stato completamente ridisegnato e ha nuove geometrie, oltre a essere più rigido del 65% per la parte principale e nel complesso del 34% in totale, forcellone compreso. Ora il telaio è formato da un numero inferiore di pezzi, circa la metà rispetto al passato, e ha il 22% di saldature in meno. Due i nuovi forcelloni, progettati rispettivamente per pneumatici larghi e stretti: il primo pesa 5,89 kg in meno (-15%), il secondo addirittura 8,16 (-20%). Novità anche per la sospensione posteriore, che abbandona i due ammortizzatori disposti sotto il motore (precedente gamma Softail) per sposare la soluzione con un solo elemento Showa regolabile nel precarico della molla, con articolazione cantilever e disposizione sotto la sella. Tutto questo senza rinunciare al look da hardtail e incrementando la capacità di carico fino a 217 kg. Sparisce il serbatoio dell’olio, proprio per lasciare posto alla sospensione: di conseguenza la soluzione tecnica di lubrificazione è a carter umido. Showa fornisce la forcella con tecnologia DBV (Dual Bending Valve), già vista sulla gamma Touring 2017 e caratterizzata dall’escursione di 130 mm. Tutti i nuovi modelli sono più leggeri rispetto a quelli che sostituiscono, con un vantaggio fino a 17 kg. Il nuovo telaio garantisce maggiori possibilità di piega, grazie anche all’opportuna collocazione del motore.

Softail, i motori 107 e 114
I motori Milwaukee-Eight a otto valvole per cilindro festeggiano il primo anno di vita con l’arrivo sulla gamma Softail, che così beneficia della migliore tecnologia Harley-Davidson. Due le cilindrate: 107 pollici cubi (1.745 cc) e 114 pollici cubi (1.868 cc), quest’ultima proposta sui modelli Fat Boy 114, Fat Bob 114, Heritage Classic 114 e Breakout 114. Per entrambe le cilindrate il costruttore dichiara miglioramenti sostanziosi in accelerazione rispetto al 103 del passato, mentre il 114 in ripresa (100-130 km/h in quinta marcia) ottiene prestazioni migliori del 13%.

Il motore è fissato al telaio in modo rigido: per questo è stato aggiunto al Milwaukee-Eight montato sulla nuova gamma Softail un contralbero di bilanciamento, per un totale di due, collegati tramite ingranaggi. Questa novità tecnica aumenta il comfort, senza compromettere la tradizionale impronta sonora del bicilindrico a V di 45°. I motori utilizzati sulla rinnovata gamma Softail 2018 dispongono del raffreddamento a olio delle teste: non è previsto su nessun modello, il raffreddamento a liquido, riservato ad altre famiglie.

Tra le caratteristiche in comune tra gli otto nuovi modelli figurano i gruppi ottici anteriori LED Daymaker, i serbatoi riprogettati, l’inedita strumentazione, l’avviamento senza chiave, la porta USB nella zona del cannotto di sterzo, il sistema elettrico con generatore più efficiente. Infine la citata regolazione del precarico molla dell’ammortizzatore Showa: a seconda dei modelli l’intervento è possibile con una chiave o con il comodo pomello esterno.


Touring, Street Glide Special e Road Glide Special in nero
Per chi ama la gamma Touring le novità si concentrano su due modelli, che condividono per il 2018 l’abbandono delle cromature a favore del nero per tutto ciò che è visibile, come ad esempio carter motore, coperchi, manubrio e comandi, specchi retrovisori, terminali di scarico. Finitura scura anche per il gruppo ottico anteriore e nuovi cerchi Talon (19″ anteriore, 18″ posteriore). Le borse laterali hanno un disegno allungato, per rendere le moto ancora più aggressive e carismatiche. A raggiungere l’obiettivo contribuiscono le colorazioni: la Road Glide Special è proposta in Vivid Black, Wicked Red, Bonneville Salt Pearl e Hot Rod Red Flake Hard Candy Custom; la Street Glide Special in Vivid Black, Twisted Cherry, Bonneville Salt Denim e Hot Rod Red Flake Hard Candy Custom. Confermato naturalmente il motore Milwaukee-Eight 107 e il sistema di informazione e intrattenimento Boom Box 6.5GT con touchscreen di serie.

 
Apoteosi CVO
La magia del reparto Custom Vehicle Operations si posa quest’anno su tre modelli: CVO Limited, CVO Street Glide e CVO Road Glide. La grande novità è il debutto del motore 117 Milwaukee-Eight Screamin’ Eagle, che con i suoi 1.923 cc diventa a tutti gli effetti il V2 di maggior cilindrata mai proposto di serie da Harley, forte di 166 Nm di coppia massima.

Se a questo vantaggio tecnico aggiungiamo le verniciature, tradizionalmente molto curate e quest’anno rese se possibile ancora più spettacolari, avremo un quadro del fascino che i modelli CVO, in edizione rigorosamente limitata – i prezzi fanno selezione ma la richiesta è comunque di gran lunga superiore all’effettiva disponibilità – si preparano a esercitare sul pubblico Harley, e non solo.

Sulla Road Glide CVO arriva il cerchio anteriore di 21″, mentre il numero di combinazioni cromatiche, tre, è in comune con la Street Glide CVO, anche se naturalmente le proposte sono diverse.

Sulla CVO Limited il V2 è il 117 Milwaukee-Eight Twin-Cooled, ossia con raffreddamento a liquido delle teste per migliorare il comfort, esaltato dalla sella specifica, dalle sospensioni regolabili, dall’infotainment e molto altro. Di serie l’ABS e la frenata combinata. Due le colorazioni, ossia Burgundy Cherry Sunglo Fade e Black Earth Fade.
115° anniversario da festeggiare con nove modelli speciali  
In occasione della ricorrenza dei 115 anni dalla fondazione, avvenuta a Milwaukee nel 1903, Harley propone una gamma dedicata, che spazia tra le varie famiglie. Riconoscibili essenzialmente da dettagli estetici come le colorazioni e l’immancabile aquila americana, i nove modelli, con denominazione “115th Anniversary”, sono: Forty- Eight, Breakout 114, Fat Boy 114, Heritage Classic 114, Street Glide, Street Glide Special, Ultra Limited, Tri Glide Ultra e CVO Limited. Naturalmente di ciascun modello viene proposta la versione “115th Anniversary” e quella standard.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trofeo KTM Enduro 2020 seconda gara

RSD Dakar GS – Una R 1200 GS dakariana by Roland Sands

Kawasaki Z900, Ninja 1000SX e Vulcan S 2021