KTM 690 SMC R

KTM 690 SMC R regina del mondo supermoto civile. La monocilindrica austriaca raggiunge la cilindrata piena e si aggiorna nella ciclistica.

La KTM 690 SMC R è una della novità presentate all’EICMA ma in qualche misura è rimasta un po’ nell’ombra. Certo, a fare la voce grossa c’erano altre novità in anteprima mondiale, ma la KTM SMC 690 R ha subito molte modifiche e sostanzialmente è una moto nuova, molto diversa dalla precedente versione senza la R maiuscola.  Accendiamo i riflettori sulla monocilindrica in versione motard della casa di Mattighofen.Il motore cresce di cilindrata e arriva al valore effettivo di 690 centimetri cubi. La nuova cubatura è la risultante di una corsa allungata del pistone che passa da 80 a 84,5 mm mentre rimane invariato l’alesaggio: la potenza cresce di 3 cavalli fino a quota 66,5. Anche il valore di coppia aumenta e passa da 64 a 68 Nm e si alza il rapporto di compressione fino a 12,5:1. Il telaio a traliccio in tubi d’acciaio al cromo-molibdeno si colora di arancio ma non subisce modifiche, si aggiorna invece il comparto sospensioni che, pur mantenendo WP come partner sia per la forcella sia per il monoammortizzatore, rivede però le escursioni che passano a 250 mm. Possiamo dire che la KTM 690 SMC R si fa un po’ più umana a livello di dimensioni, riducendo la corsa delle sospensioni i tecnici sono riusciti a diminuire l’altezza della sella il cui piano ora è posizionato a 890 mm da terra.La SMC R è la motard “civile” della casa austriaca, piaceva prima per le incredibili prestazioni del motore e la facilità di guida, si riconferma oggi come una delle protagoniste della vita metropolitana.  Il peso ridotto, si parla di 139,5 kg in ordine di marcia, garantisce il massimo controllo anche quando si deve “girare stretto” tra le macchine in colonna. Questa KTM è però anche un animale da pista. Siamo sicuri che non avrà le velleità agoniste della sorella da 450 centimetri cubi destinata alle competizioni ma tra i cordoli sicuramente darà più di una soddisfazione vista la presenza delle sospensioni regolabili, la frizione con sistema anti saltellamento APTC e l’impianto frenante con pinza radiale e disco anteriore da 320 mm di diametro.Segnaliamo che l’aggiornamento tecnico ricevuto dal motore monocilindrico definito LC4 che equipaggia la KTM 690 SMC R permette intervalli di manutenzione nell’ordine dei 10mila km. Ancora sconosciuto il prezzo e la commercializzazione è prevista per l’inizio dell’anno nuovo.