Melandri e Gaerne, accoppiata da trofeo

“Enter into the History”: due ruote ma niente motore per Marco Melandri, che ha tenuto a battesimo la 18esima edizione del Gaerne MTB Trophy

Cortesia, cuore, energia. Tanta energia… Sono queste le sensazioni che si percepiscono nel campione Marco Melandri che ha tolto la tuta di pelle, indossato la divisa da biker e pedalato sul percorso del 18° Gaerne MTB Trophy.“Collaboro con Gaerne da due anni – dice Marco – e apprezzo molto il clima familiare e di partecipazione nello sviluppo dei prodotti. Mi trovo molto bene anche quando indosso le scarpe da bici. Forse non tutti lo sanno, ma la mia carriera sportiva è iniziata con una BMX, inoltre, buona parte del mio allenamento si svolge in bici. Amo molto stare all’aria aperta e pedalare sulle mie colline: percorro circa 4.000km all’anno, prevalentemente in sella alla bici da strada perché la trovo più rilassante. Ho partecipato anche a qualche edizione della “9 Colli”, ma ora non posso più farlo per ragioni di contratto. Nel tempo, ho avuto il piacere di conoscere campioni come Pantani, Nibali e Pozzato e quando posso vado volentieri a seguire alcune tappe del Giro e la Milano-Sanremo”.Il Trofeo, figlio della passione per lo sport di Ernesto Gazzola (mister Gaerne) e organizzato dal MTB Club Gaerne, è ormai diventato uno degli eventi più apprezzati del territorio e uno dei fiori all’occhiello della provincia di Treviso. Inoltre, grazie al terreno che l’amministrazione ha messo a disposizione del Club, sarà realizzato un campo scuola per avvicinare i giovani alla mountain bike.melandri1Alla fine della conferenza stampa di presentazione della 18esima edizione della gara, Marco ha autografato la nuova divisa del MTB Club Gaerne e ha ricevuto un paio di scarpe G-Syncro, personalizzate con il suo numero di gara, il 33, e la sua mascotte, il riccio.A Maser i motori sono ormai accesi e il 14-15 marzo si aprirà il gas!