All’EICMA 2017 Moto Guzzi presenta una concept molto vicina alla produzione di serie. Si chiama Concept V85: è una maxi enduro polivalente. Da questa piattaforma nasceranno, da qui al 2021, molti altri modelli.

CUORE AD ARIA

Il cuore non può che essere un V2 ad aria, che però è stato completamente riprogettato. La cilindrata del bicilindrico trasversale è pari a 850 cc, mentre la potenza raggiunge la ragguardevole cifra di 80 cv. Moto Guzzi promette un’erogazione corposa ai bassi e medi regimi. La Moto Guzzi V85 Concept ha tutte le caratteristiche di una grande viaggiatrice: cerchi a raggi da 19”-17”, gomme artigliate, sella alta e presumibilmente comoda, manubrio taglia XL, cupolino protettivo, paramani, forcella Ohlins con angolo del cannotto abbastanza “aperto” per assicurare una guida stabile. Altre componenti facilmente individuabili sono il telaio a traliccio in tubi di acciaio verniciato in rosso, la trasmissione finale a cardano e il monoammortizzatore laterale, facilmente regolabile grazie alla comoda posizione (ma senza leveraggi progressivi). Non manca la predisposizione per montare il bauletto e le borse laterali.

Due parole le merita anche la curiosa colorazione. La livrea che abbina il bianco, il giallo e il nero non è fine a se stessa ma riprende niente meno che quella della Guzzi V65 TT Baja che corse con due esemplari la Parigi-Dakar del 1986. Negli anni successivi, tra l’altro, venne utilizzata anche per una versione della NTX che non ebbe però grande successo commerciale.

CONDIVIDI

Alessandro ha 14 anni quando il sui migliore amico si presenta sotto casa con un MBK Booster fiammante, elaborato che manco quelli da trofeo. Ale non sta nella pelle, lo vuole provare subito. L’amico glielo concede raccomandando la massima cautela perché “l’ho appena preso”. La sequenza successiva è: 30 metri con le due ruote a terra, impennata, cappottata e perdita probabile di una amicizia. Da quell’esperienza Alessandro poteva capire due cose:
Le moto non facevano per lui.
Le moto sarebbero state il suo futuro.
Purtroppo ha capito quella sbagliata e ce lo siamo ritrovati a RED.
Da quando ha 22 anni, tra un esame e l’altro della facoltà di Ingegneria meccanica (poi terminata con la Laurea) ha iniziato a provare moto di ogni genere: dallo scooter (memore della sua fantastica prima esperienza) alle supersportive da gara, passando per custom, enduro e bagger da 400 kg.
Sempre con la voglia di raccontarle e sempre tenendo a mente l’espressione stupita (ancora non sappiamo se felice) del suo amico (incredibilmente rimasto amico) in quel fatidico pomeriggio. Oggi a RED prova e racconta ancora moto di ogni tipo. E non impenna (quasi) più.