BMW S 1000 R 2021, nuda e tutta muscoli

La Casa bavarese rinnova da cima fondo la sua roadster, che eredita telaio e motore della supersportiva S 1000 RR. Dotata di 165 cv e con un peso di 199 kg promette tanto divertimento, complice una dotazione elettronica di prim’ordine.

Sempre più grintose e sportive: è così che sono diventare negli anni le roadster BMW. Un tempo le R bavaresi erano placide viaggiatrici mentre oggi sono per lo più affilate divoratrici di curve. L’ultima dimostrazione di questa metamorfosi la offre la BMW S 1000 R, che con il model year 2021 si rinnova da cima a fondo, seguendo le orme lasciate di recente dalla S 1000 RR.

A CARTE SCOPERTE

BMW S 1000 R 2021 rossa

Rispetto alla sorella schierata nel Mondiale Superbike, la BMW S 1000 R 2021 si spoglia quasi completamente, lasciando in bella vista motore e telaio, entrambi inediti. Le sovrastrutture hanno un disegno minimalista, con una parte anteriore più massiccia e un codino rastremato a dare un’immediata idea di dinamismo. Un contributo in questo senso viene anche dal faro a LED, proteso in avanti e verso il basso, e dalle piccole frecce, che fanno di tutto per non farsi notare. Discreta è anche la presenza della strumentazione digitale con schermo TFT a colori da 6,5 pollici che propone un gran quantità di informazioni attraverso varie schermate.

BMW S 1000 R 2021 display tft

DIETA FERREA

Protagonista della scena diventa così il quattro cilindri Euro 5 ereditato dalla RR, che nel caso della BMW S 1000 R 2021 ha una messa a punto specifica per l’impiego stradale. La potenza massima resta tuttavia di 165 cv a 11.000 giri, mentre il picco di coppia è raggiunto a 9.250 giri ed è pari a 114 Nm. A Monaco giurano di aver reso più ampio l’intervallo di erogazione favorevole, tanto da potersi permettere una rapportatura più lunga per le ultime tre marce. Per dare un’idea del lavoro fatto dai motoristi, 80 Nm sono già disponibili da 3000 e 90 Nm lo sono invece da 5500 a 12000 giri.

UN VESTITO ATTILLATO

BMW S 1000 R 2021

Il motore è parte stressata del nuovo telaio in alluminio Flex Frame, che fascia il propulsore e lascia grande libertà di movimento al pilota. A livello di ciclistica spiccano un telaietto ausiliario posteriore a traliccio e un lungo forcellone con capriata inferiore e leveraggio progressivo Full Floater Pro. La forma porta il mono ammortizzatore lontano dal motore, in modo da ridurre l’impatto del calore sul rendimento. A proposito della posizione di guida spicca un manubrio dotato di attacchi che consentono di avanzarne la posizione di 10 mm, mentre per rialzarlo si devono acquistare riser opzionali.

HI-TECH

BMW-S-1000-R-2021

Come ormai accade sempre più spesso quando si parla di un nuovo modello, a un certo punto diventa indispensabile spostare l’attenzione sulla dotazione tecnologica. La moto è equipaggiata di serie con una piattaforma inerziale a sei assi, ABS Pro con funzione cornering, Hillstart Control e Dynamic Traction Control con funzione di impennata controllata. Le modalità di guida standard sono tre, Road, Dynamic e Rain. I Riding Modes Pro optional portano in dote la modalità aggiuntiva Dynamic Pro, controllo impennata regolabile, freno motore e controllo della coppia di trascinamento del motore (MSR), oltre a Launch Control, Pitlane Limiter e Hillstart Control Pro.

DI BENE IN MEGLIO

BMW-S-1000-R-2021

Per quanto riguarda gli equipaggiamenti a richiesta della BMW S 1000 R 2021 c’è l’imbarazzo della scelta. Il catalogo propone di tutto, dal terminale di scarico Akrapovic al quick shifter Shift Assistant Pro fino al pacchetto Headlight Pro con luce di svolta adattiva. Per i clienti più sportivi e dal palato fine ci sono i pacchetti Carbon, Milled Parts e M, quest’ultimo con cerchi forgiati o in fibra di carbonio, che riducono drasticamente il peso rispetto ai 199 kg della configurazione base.