Supercar = Superbob?

Aerodinamica, velocità e materiali superleggeri: non ci sono quattro ruote a reggere la prossima sfida che si giocheranno Ferrari e BMW ma pattini pronti a scivolare sul ghiaccio più veloci degli altri

Non stiamo certo parlando di un'improbabile versione invernale de “La Ferrari”, l’ultima bellissima nata di Maranello, e nemmeno della X4, il concept più recente uscito dagli stabilimenti di Monaco. Ferrari sta curando il progetto che porterà alla realizzazione del bob con cui i nostri azzurri all’inizio del 2014 sfrecceranno sulle pista ghiacciata della città russa di Sochi, sede delle prossime Olimpiadi Invernali.

Non si è capito chi ha copiato chi, ma il fatto è che anche BMW supporterà una squadra di bob, quella statunitense. Non sarà quindi al 100% l’Italia-Germania di calcistica memoria ma certamente entrambe le Case metteranno in campo tutta la loro esperienza e le immense tecnologie di cui dispongono nel campo dei materiali e dell'aerodinamica per primeggiare anche in questo particolare settore. A dire la verità il bob BMW ha già fatto la sua comparsa in alcune tappe della Coppa del Mondo, per essere testato in vista dell’importante appuntamento olimpico. Nemmeno la Casa del Cavallino arriverà a Sochi da sprovveduta, perché il team CONI-Ferrari aveva già sviluppato un “bob a due” per Vancouver 2010, utilizzandolo anche per le Olimpiadi Invernali Giovanili di Innsbruck 2012, dove l’equipaggio formato da Patrick Baumgartner e Alessandro Grande ha conquistato la medaglia d’oro.

Visto il successo, la Federazione Sport Invernali ha chiesto a Maranello di continuare la collaborazione sulla strada intrapresa: dopo la riprogettazione della meccanica del telaio, l’ottimizzazione dell’aerodinamica e l’integrazione strutturale del telaio e della carena, il nuovo bob è ormai pronto per effettuare i primi test in pista.