Alfa Romeo Giulia, test della berlina media più comoda che c’è

È diventata – con merito – sinonimo di piacere di guida. Grazie alla sua meccanica raffinata, però, è anche una delle auto più confortevoli in assoluto

Il piacere di guida prima di tutto. Comunque

La Giulia resta comunque, prima di tutto, un’auto da guidare. Meglio se fra le curve. E se della prontezza di sterzo vi ho già detto, l’assetto è un compromesso praticamente perfetto fra assorbimento e contenimento del rollio. Il tutto, condito da una fedeltà assoluta di comunicazione tra quello che accade fra pneumatici e asfalto.

alfa_romeo_giulia_veloce 2020 ti

Altra “chicca” della Giulia è la sensibilità al “tiro-rilascio”: alleggerendo il gas in percorrenza di curva, il retrotreno allarga leggermente la traiettoria. Quanto basta per consentire di disegnare le traiettorie non solo con il volante ma anche con l’acceleratore. Detto questo, la sicurezza viene comunque prima di tutto: in altre parole, non ci sono mai sorprese.

Sospensioni raffinate

Il comfort in autostrada

Posizione di guida

Non c’è tanto spazio. E non è una sorpresa

Lo sterzo, analisi tecnica

Il piacere di guida prima di tutto. Comunque.

Sicurezza assoluta e opzione “sospensioni soft”

Quanto consuma