Aston Martin Vantage AMR: la pista nelle vene

21 giugno 2017 - 5:06

AMR, come Aston Martin Racing. La divisione sportiva della Casa inglese presenta una versione estrema della supercar Vantage, disponibile in configurazione sia coupé sia roadster e con entrambi i propulsori in gamma, vale a dire il V8 4.7 e il V12 6.0. Punto di congiunzione tra la strada e la pista, la Vantage AMR mutua gran parte delle soluzioni tecniche dalla “gemella” Pro Concept, destinata all’attività esclusivamente in circuito, pur essendo omologata per la circolazione stradale.


Scocca in alluminio e magnesio
Proposta con prezzi a partire da 126.995 euro per il mercato tedesco, la Vantage AMR – il cui debutto è atteso entro la fine dell’anno – adotta il noto V8 4.7, caratterizzato da un plus tecnico quale l’albero di trasmissione in carbonio, nello step da 436 cv tipico della versione S, oppure l’altrettanto conosciuto V12 6.0 portato a 600 cv anziché gli ordinari 572 cv. Entrambi i propulsori aspirati vengono ottimizzati nella lubrificazione a carter secco e possono essere abbinati a una classica trasmissione manuale a 6 marce (7 per la V12) oppure al cambio elettroattuato a 7 rapporti Sportshift II corredato dei paddle al volante. Immutata la scocca in alluminio e magnesio, dotazione tecnica caratterizzante la gamma Vantage, mentre l’impianto frenante Brembo con pinze anteriori a 6 pistoncini e posteriori a 4 pompanti si avvale di dischi baffati derivati dalla pista.

Sospensioni hard
La AMR si distingue dalle “normali” Vantage per lo sterzo dalla servoassistenza attenuata e le sospensioni dalla taratura più rigida. Non meno esclusivo il look della vettura. Alle quattro vernici specifiche si affianca l’Halo Pack, vale a dire la finitura cromatica ispirata alla livrea della Vantage GTE numero 95 vincitrice del Mondiale Endurance 2016. La base, in tal caso, è nel classico verde inglese abbinato a grafiche gialle e alla Union Jack “annegata” nel logo Aston Martin. Immancabile una nutrita gamma di accessori in carbonio che spazia dai sedili sportivi alla griglia frontale, dalle minigonne alle bocche laterali per lo sfogo del calore del motore, dalle calotte dei retrovisori ai pannelli porta sino alla palpebra della strumentazione e al rivestimento della console.

Impianto di scarico in titanio
La Vantage AMR è troppo sobria? Desiderate superiori valori di deportanza per l’utilizzo in pista? Niente paura, il catalogo Aston Martin include il kit Aero, forte di appendici aerodinamiche specifiche in fibre composite quali l’alettone a incidenza variabile e lo splitter (anch’esso regolabile) all’avantreno. Plus cui abbinare inediti cerchi in lega forgiati da 20 pollici e un impianto di scarico completo in titanio, più leggero di 14 kg rispetto all’originale.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Youngtimer – Audi 80, come si diventa premium

brumbrum inaugura uno stabilimento a Reggio Emilia

Maserati GranTurismo Zéda, l’ultima della “specie V8 aspirato”