Audi A7 Mild-Hybrid: regina che sa risparmiare

Dopo aver ibridizzato A4, A5 ed A8 è ora la volta della A7. Audi punta sul mild-hybrid, una tecnologia ibrida non convenzionale abbinata a motori benzina e diesel. E i vantaggi ci sono, eccome

26 febbraio 2018 - 12:02

AIUTANTE DI SUPPORTO
Chiariamo subito le idee: che cosa si intende per mild-hybrid? La traduzione letterale di mild è “blando, lieve, moderato”. Il termine viene utilizzato per designare i veicoli che sfruttano moderatamente la spinta prodotta dall’unità elettrica. Quest’ultima lavora  come aiuto al motore a combustione interna, a cui è affidata la maggior parte del lavoro di trazione. Questa tecnologia è diversa da quella adottata sulla diffusa Toyota Prius. Nonostante il basso livello di ibridizzazione e l’assenza di una modalità puramente elettrica, il sistema offre sensibili vantaggi per quanto riguarda consumi ed emissioni.
AUDI A7 MHEV
Per questo Audi ha applicato questa tecnologia ai modelli A4, A4 Avant, A5 Coupé, A5 Sportback, A5 Cabriolet e A8. Ha battezzato MHEV (Mild Hybrid Electric Vehicle) i veicoli dotati del supporto moderato del motore elettrico ed oggi estende alla A7 Sportback questa dotazione. Tutti i motori saranno abbinati alla configurazione mild-hybrid: per ora si tratta del 3.0 TFSI da 340 cavalli e del 3.0 TDi da 286 cavalli. Questa soluzione tecnica gode di tutti i vantaggi di una vera motorizzazione ibrida: esenzione dal pagamento del bollo in dieci Regioni d’Italia, libertà di movimento anche durante i blocchi del traffico per motivi ambientali, accesso gratuito ad aree soggette a limitazioni del traffico (ad esempio l’Area C di Milano). A tutto questo si accompagna la riduzione dei consumi fino a 0.7 litri per 100 km e il conseguente contenimento delle emissioni nocive.

A 48 VOLT

Mentre i modelli A4 e A5 sfruttano l’impianto elettrico a 12V, la più grande A7 segue la A8 e si appoggia a un impianto a 48V. E’ presente una batteria agli ioni di litio di ridotte dimensioni e un alternatore che viene usato anche come starter, collegato tramite cinghia al motore. Durante la marcia a velocità comprese tra 55 e 160 km/h, la A7 e la A8 cominciano il veleggio non appena il guidatore rilascia il pedale dell’acceleratore. Questa modalità garantisce zero emissioni (il motore termico è spento) per un tempo massimo di 40 secondi. Oltre questa soglia il motore a benzina viene risvegliato in modo istantaneo e inavvertibile tramite l’azione dell’alternatore. Il sistema start & stop è in grado di attivarsi già a 22 km/h. Vi proponiamo qui un breve video che illustra la tecnologia MHEV della A7.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

tutor ok

Tutor di nuovo attivo entro pochi giorni. La Cassazione dà ragione ad Autostrade

dodge_viper_rt_10 rossa

Youngtimer – Dodge Viper, storia della supercar che non c’è più. Purtroppo

Monopattini e hoverboard elettrici, Milano dice stop. Per ora. E il resto d’Italia?