BMW X3 M e X4 M, 510 cv per tentare il record al ‘Ring

La Casa dell'Elica entra a gamba tesa nel segmento delle "iper-SUV". Con la versione Competition si può raggiungere i 285 km/h e bruciare lo "0-100" in 4,1 secondi

13 febbraio 2019 - 18:09

Il pretesto – se così si può chiamare – per la genesi delle BMW X3 M e X4 M è arrivato dritto dritto da due Case rivali: Alfa Romeo, che con la Stelvio Quadrifoglio ha fatto segnare un tempo record al Nurburgring (7 minuti, 51 secondi e 7 decimi) e Mercedes, che con la GLC 63 S ha battuto, poco tempo dopo, proprio il tempo dell’Alfa: ad accomunarle, 510 cv di potenza massima, un dato condiviso anche da X3 M e X4 M Competition. La versione “base” del 3 litri V6 biturbo BMW si ferma invece a quota 480 cv, conditi sempre con 600 Nm fra i 2.600 e i 5.600 giri. Un bel consolarsi.

Fino a 285 km/h

La trazione (la stessa che ha debuttato sulla BMW M5) è integrale sia su X3 sia su X4 M, con differenziale attivo M e prevalenza per le ruote posteriori. Il tutto è governato insieme al DSC, che lavora di concerto con il sistema xDrive per offrire, fanno sapere da Monaco, sensazioni da supersportiva. Il tutto, combinato con la “presa” dei pneumatici da 20 pollici sull’asfalto e il cambio automatico Steptronic M a 8 rapporti fa sì che le BMW X3 M e X4 M raggiungano i 100 km/h dopo soli 4,2 secondi, 4,1 se si tratta delle versioni Competition, arrivando fino a 285 km/h (con il Driver’s Package). A tenere a bada tutta questa esuberanza (e un peso di quasi 2.000 kg in ordine di marcia) pensano ammortizzatori a controllo elettronico con setup specifico M e freni speciali, con anello in ghisa e tazza disco in alluminio.

Missione: distinguersi

Da fuori, le BMW X3 M e X4 M Competition si differenziano per la griglia del doppio rene e calotte specchi in nero lucido, cerchi da 21” e scarico sportivo M a quattro uscite. Dentro, a catturare lo sguardo ci sono strumentazione, volante e pomello cambio specifici M, ma anche rivestimenti in pelle Merino (Vernasca sulle M normali) e badge identificativi. Senza dimenticare i fari a LED, il navigatore Professional con servizi ConnectedDrive e l’impianto audio “premium”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

nuova Honda Jazz prima foto teaser

Nuova Honda Jazz, ecco la prima immagine ufficiale

Opel
Il mercato italiano “trafitto” dal fulmine

SUV elettrici, Volvo XC40 Recharge è il primo del suo segmento