Citroën C3 Aircross restyling, la prova

Ritoccata nel look e nell’arredamento degli interni, conferma i tradizionali punti di forza

Per quanto scontato possa sembrare, prima di acquistare un’auto – stabilito il budget – ci si deve sempre chiedere qual è l’utilizzo che se ne farà. Quesito fondamentale per scongiurare cocenti delusioni. Può capitare per esempio di innamorarsi del design di un SUV dalle forme sportive, certi che tanto “i SUV in quanto tali sono spaziosi”, per poi scoprire che il tetto che scende in quel modo compromette non solo l’abitabilità ma anche la capacità di carico. Questo per dire che la Citroën C3 Aircross si posiziona invece fra quelle auto che in una carrozzeria compatta riesce a trovare spazio per tutto e per tutti (beh, quasi…).

Ecco subito qualche numero per capirci meglio: la lunghezza è pari a 4,16 metri (+2 cm in seguito al restyling), la larghezza tocca il metro e 76 cm, mentre 1,64m è l’altezza. All’interno di una delle carrozzerie più compatte del segmento dei B-SUV (qui il confronto tra i migliori B-SUV del 2020), la C3 Aircross riesce a offrire un volume di carico di ben 410 litri con il divano in posizione completamente arretrata (configurazione che consente di viaggiare comodamente a 4 adulti alti fino a un metro e 90 cm circa). Se invece si fa scorrere il divano in avanti si toccano i 520 litri di capacità (valori analoghi a quelli dei migliori C-SUV) e abbattendo gli schienali dei sedili posteriori si toccano i 1.289 litri.

E non è finita, perché anche lo schienale del sedile anteriore può essere abbattuto, così da poter caricare oggetti lunghi fino a 2,4 metri.

La solita (gradita) Citroen
Motore e cambio: associazione perfetta
I prezzi