Coronavirus, il ritorno al lavoro. In Cina hanno fatto così

Geely, colosso cinese dell’automotive, è un esempio di come si potrà tornare a produrre. Non solo automobili

24 marzo 2020 - 14:34

Non è ancora il momento giusto. Per prima cosa occorre frenare la diffusione del CoronavirusPerò al dopo ci si deve pensare già adesso, senza perdere tempo. La priorità è la salute, su questo nessuno discute, ma l’economia dev’essere pronta a ripartire il prima possibile, pena danni sociali e, di nuovo, sanitari, incalcolabili. Vediamo dunque come si è tornati in fabbrica in Cina, prendendo come esempio Geely, colosso cinese che, fra le altre cose, controlla Volvo.

Geely, lo ricordiamo, ha posticipato la riapertura degli stabilimenti dopo i festeggiamenti del nuovo anno dal 26 gennaio al 10 febbraio.

  1. Gradualità
  2. Stato di salute
  3. Sanificazione
  4. Precauzioni
  5. Limitazione della libertà

    Commenta per primo