Dyson, dagli elettrodomestici all’auto elettrica

28 settembre 2017 - 15:09

In fondo, da tempo si parla dell’auto come di un elettrodomestico… Forse da questa considerazione è partita la Dyson, specializzata proprio in (costosi) elettrodomestici, che entro il 2020 promette di presentare e commercializzare un’inedita vettura elettrica. L’azienda inglese amplierà così, radicalmente, il proprio bacino d’attività, diventando a tutti gli effetti un costruttore d’auto. Ci sarà un nuovo sceriffo in città?

Il progetto è già attivo da due anni
L’obiettivo, a dire il vero non particolarmente originale, è fare concorrenza all’americana Tesla, considerata il punto di riferimento sia a livello tecnico sia quanto ad appeal nel settore dei veicoli a zero emissioni. La Dyson ha fornito i primi dettagli del progetto mediante un’email inviata ai dipendenti e ripresa dai quotidiani d’Oltremanica. Il testo, nello specifico, è firmato da sir James Dyson in persona, fondatore della società e istrionico protagonista del mondo imprenditoriale. Secondo quanto riportato, la vettura sarebbe in fase di sviluppo già da due anni, vale a dire da quando 400 specialisti sono stati incaricati di progettarla nella sede centrale di Malmesbury. Tecnici che, secondo rumors fondati, proverrebbero in gran parte dalla cinese Techrules, specializzata nella ricarica a turbina delle batterie, e dalla californiana Faraday, impegnata da anni nella mobilità elettrica a guida autonoma.


Linea fuori dagli schemi
Mediante Twitter l’azienda ha confermato la portata monstre dell’investimento: ben 2 miliardi di sterline (2,28 miliardi di euro) destinati parte allo sviluppo dell’auto e parte all’approntamento delle inedite batterie. Al momento, però, nessun prototipo ha visto la luce o è stato messo su strada e, al contempo, non è stato individuato uno stabilimento produttivo. Secondo il quotidiano The Telegraph, il sito ideale potrebbe essere in Estremo Oriente, così da presidiare uno dei mercati più recettivi in materia di veicoli a zero emissioni. James Dyson, in ogni caso, ha anticipato che l’auto sarà costosa – allineata alla Tesla Model S P100D – e avrà caratteristiche rivoluzionarie. Specie a livello di design.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MINI Clubman JCW posteriore

MINI Clubman John Cooper Works, 306 cv con stile. La prova

Volkswagen Golf 1974 grigia

Youngtimer – Volkswagen Golf, storia delle prime 7. In attesa dell’ottava

Volvo XC40 milano

Volvo XC40, i motivi di un successo. Test [VIDEO]