Freno motore: come funziona e cosa cambia sulle elettriche

Il termine ‘freno motore’ è usato impropriamente tutti i giorni. Eccone il reale significato, quando utilizzarlo e le principali differenze sulle auto elettriche.

Cos’è il freno motore?

Tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta del “freno motore” ma il suo significato non è così scontato, non per tutti. Questa arcana tipologia di freno, o meglio di frenata, risulta essere intrinseca al funzionamento del motore e permette di rallentare il veicolo senza utilizzare l’impianto frenante. In pratica è una coppia frenante che il motore quando viene rilasciato il gas, applica alle ruote al pari della coppia motrice. Ma cosa vuol dire davvero questa dicitura e, soprattutto, a cosa serve nella guida di tutti i giorni?

Ford Mustang Fastback del 1964 in aria dopo aver attraversato uno scollinamento su asfalto nelle strade di San Francisco
credit: tredistudio.com – Andrea Bertaccini

Molti lo sperimentano senza neanche accorgersene ma, che abbiate un cambio manuale o automatico – un discorso a parte meriterebbe la trasmissione CVT  – basta alzare il pedale del gas con la marcia innestata: il rallentamento che si avverte è dovuto proprio al “trascinamento” della meccanica collegata alle ruote mediante la trasmissione. Un effetto che si accentua nel caso in cui si scalino una o – a maggior ragione – più marce.