Honda Civic Type R 2017: avanti tutta

8 marzo 2017 - 9:03

Non è “un’aggiunta” alla gamma Civic. Diversamente dal passato, la Type R è stata prevista dalla Honda sin dall’inizio, garantendo così al pianale della propria berlina alcune connotazioni sportive sconosciute alle precedenti versioni. Una caratteristica sottratta alla vista, ma che promette di portare in dote una rigidità torsionale superiore del 38% e, soprattutto, di fare della nuova Civic la Type R più efficace e veloce di sempre.


Iniezione diretta della benzina
Sfrontata, estrema, apparentemente opera di un tuner visionario. Honda Civic Type R è tra noi. Uno dei simboli dell’orgoglio giapponese è tornato. Negli Anni ’90, la Honda si è costruita una solida reputazione tra gli appassionati della guida sportiva grazie alla tecnologia VTEC (Variable Valve Timing e Lift Electronic Control), capace di stupire l’Occidente per le elevate potenze specifiche (oltre 100 cv/litro) garantite dai propulsori aspirati Made in Japan. E Civic Type R è stata la paladina di quest’epopea. Poi venne un parziale oblio e, ora, il risveglio. Un ritorno sotto i riflettori favorito dalla sovralimentazione mediante turbocompressore. La nuova generazione della sportiva nipponica vede infatti confermato il 4 cilindri in linea di 2,0 litri ad alzata e fasatura variabile delle valvole, marchio di fabbrica VTEC, cui si abbinano l’iniezione diretta della benzina e, come accennato, il turbo.

Sottoscocca integralmente carenato
La nuova generazione di Type R può contare su di uno step lievemente “pompato” del 2.0 turbo, portato dai precedenti 310 cv a 320 cv e 400 Nm di coppia. Unica, come in passato, la trasmissione – manuale a 6 rapporti – ora forte però di un inedito sistema che armonizza la velocità di rotazione del motore e della catena cinematica, così da rendere più fluidi gli innesti. Ulteriori novità sono rappresentate dal sottoscocca interamente carenato, a tutto vantaggio della stabilità ad alta velocità, dall’alettone ridisegnato, dall’inedita taratura delle sospensioni adattive con schema McPherson all’avantreno e multilink al retrotreno oltre che dal debutto di un selettore delle modalità di guida. Per la prima volta, Civic Type R permette di optare fra 3 differenti setup (Comfort, Sport e +R) cui si adeguano la servoassistenza dello sterzo, l’erogazione del motore e la risposta di molle e ammortizzatori. L’arrivo nelle concessionarie italiane è previsto nel corso dell’estate.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mitsubishi New Gen L200, prezzi da 24.836 euro

porsche taycan bianca e blu

Auto elettriche, aumenta l’offerta, calano i costi

Nissan Leaf bianca in ricarica

L’auto elettrica piace di più agli uomini che alle donne