Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia

27 maggio 2017 - 11:05

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione interna, il secondo a batteria – in grado di percorrere alcune decine di chilometri in modalità esclusivamente elettrica. Un segmento di mercato in costante crescita e che, ora, accoglie la nuova Hyundai Ioniq Plug-in, proposta con prezzi a partire da 33.750 euro.


Motore elettrico da 61 cv
Sin dall’unveiling del 2016, la Hyundai Ioniq è stata l’unica berlina al mondo disponibile in tutte e tre le principali configurazioni sostenibili: ibrida, ibrida plug-in ed elettrica. Sotto il profilo meccanico, tanto la Ioniq Hybrid quanto la Ioniq Plug-In adottano un 4 cilindri 1.6 GDI (a iniezione diretta della benzina) ad alto rendimento termico (40%), studiato appositamente per l’ibridazione e in grado di erogare 105 cv e 147 Nm di coppia. Un’unità abbinata a un motore a zero emissioni del tipo sincrono a magneti permanenti. Le due vetture divergono a livello di potenza del propulsore elettrico, nell’ordine dei 43,5 cv per l’ibrida “semplice” e dei 61 cv per la plug-in, oltre che per la capacità degli accumulatori con polimeri agli ioni di litio; nel primo caso di 1,56 kWh, nel secondo di 8,9 kWh. Quest’ultima una differenza fondamentale, dato che consente alla versione ricaricabile di percorrere 63 km esclusivamente a batteria.


Quasi 91 km con un litro
Forte di una potenza complessiva di 141 cv e di una trasmissione automatica a doppia frizione a 6 marce, la Ioniq Plug-in scatta da 0 a 100 km/h in 10,6 secondi, raggiunge una velocità massima di 178 km/h e percorre mediamente, secondo quanto dichiarato, 90,9 km/l (ciclo NEDC). Le batterie possono essere ricaricate presso una colonnina in 2 ore e 15 minuti, oppure mediante una comune presa domestica. Tra i plus della vettura spicca l’ECO Driving Assistant System che include la funzione Coasting Guide. Quest’ultima analizza le informazioni del navigatore suggerendo lo stile di guida da mantenere in funzione dell’andamento della strada, delle condizioni del traffico e della riduzione dei consumi. In aggiunta, l’auto gestisce predittivamente l’energia che regola l’interazione tra i motori, ad esempio incrementando l’intervento del propulsore termico quando si avvicina un tratto di discesa, così da favorire la ricarica degli accumulatori. Tutte le informazioni in merito al funzionamento del powertrain sono consultabili mediante il display touch da 8 pollici.

Ricarica induttiva degli smartphone
Si chiama Charge Reservation ed è la funzione che, potendo programmare gli orari di rigenerazione dell’energia nelle batterie, permette di ridurre i costi di gestione dell’auto pianificando, ad esempio, la ricarica nelle ore notturne. Un plus “furbo” al pari della connettività agevolata con gli smartphone secondo i protocolli Apple CarPlay e Android Auto, della strumentazione digitale con schermo da 7 pollici, della ricarica induttiva dei device portatili e di una dotazione di sicurezza completa. Sono infatti previsti di serie la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento attivo della carreggiata e il cruise control adattivo, mentre attingendo agli optional divengono disponibili l’avviso d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco e il monitoraggio del traffico alle spalle del veicolo.


Top di gamma la versione Style
Il listino della nuova Ioniq Plug-in parte da 33.750 euro per l’allestimento Comfort che include, oltre alla dotazione di sicurezza standard, i gruppi ottici a LED e il climatizzatore automatico bizona. Top di gamma la versione Style (36.250 euro) che beneficia anche del navigatore satellitare con display da 8 pollici e retrocamera, della connettività agevolata con gli smartphone e di un sistema audio evoluto. Garanzia, analogamente a tutte le Hyundai, di 5 anni a chilometraggio illimitato oppure di 8 anni e 200mila km per le batterie.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dacia e Udinese Calcio, la partnership si rinnova

Volkswagen ID.4 in movimento gialla tre quarti anteriore

Volkswagen ID.4 contro Tesla Model Y e gli altri SUV elettrici

BMW Why Buy EVO

BMW Why-Buy Evo, guidare una BMW senza comprarla è ancora più facile. Ecco perché