I nuovi mostri: auto con motori da moto

Hanno un corpo da auto e un cuore da moto. Nascono per lo più in Inghilterra e sono leggere, potenti ed estreme. Oltre che in chiave sportiva, i propulsori delle due ruote inseriti nelle auto, stanno conoscendo fortuna in ottica ecologica.

Dr. Jekyll e Mr. Hyde: fuori auto, dentro moto. È lo strano caso di alcune delle vetture più leggere, estreme e originali mai costruite. “Giocattoli” nella maggioranza dei casi caratterizzati da un’erogazione rabbiosa, tipicamente da due ruote, in grado di trasmettere scariche d’adrenalina a ogni pressione dell’acceleratore.

RadicalSR8SRX-005

Nascono soprattutto in Inghilterra, patria di tutto ciò che è divertimento in chiave automobilistica, e negli anni sono divenute delle vere e proprie icone sportive. Come nel caso delle barchette Radical, detentrici del record al Nürburgring, e delle altrettanto estreme Caterham, eredi delle storiche Lotus Seven spesso definite “motociclette a quattro ruote”. Accanto a queste special, si registra un fenomeno assolutamente originale: le motorizzazioni motociclistiche, oltre che in chiave prestazionale, stanno riscuotendo successo come supporto alla tecnologia ibrida. Basti pensare, ad esempio, alla compatta elettrica BMW i3 e al prototipo Volkswagen XL Sport. L’auto sposa l’ecologia e l’ecologia sposa… i motori delle due ruote!

Ariel Atom 500

Bmw i3 Range Extender

Caterham Seven 165

Elemental Rp1

Morgan Three Wheeler

Radical SR8

Volkswagen XL Sport

Z Cars Mini MInor