Jaguar Future-Type: l’auto del 2040

8 settembre 2017 - 11:09

L’auto del futuro per la Jaguar. Presentata in occasione del Salone di Francoforte, la Future-Type costituisce l’interpretazione della mobilità del 2040 secondo la Casa inglese. Una concept a zero emissioni onirica, virtuale e visionaria caratterizzata da forme ardite e da una originale configurazione degli interni a 2+1 posti.


Car-to-car e car-to-X
Il principio ispiratore della show car inglese è la consapevolezza che, in un futuro non troppo lontano, le auto saranno condivise e connesse sia tra loro sia con le infrastrutture. La proprietà, come oggi intesa, non esisterà e la guida autonoma (di Livello 5, su di una scala da 1 a 5) diventerà la consuetudine. La Future-Type, non a caso, è un’auto che non necessita di conducente, che obbedisce alla strategia V2G, quindi attinge e rilascia energia alla rete in funzione dell’intero sistema di mobilità o del fabbisogno domestico, e che alla connettività car-to-car, quindi tra auto, affianca quella car-to-X, vale a dire con il mondo circostante.

Il volante è irriconoscibile
Oltre al design futuristico e alla propulsione elettrica, la Future-Type si presta alla rivisitazione di uno dei componenti più tradizionali del mondo automotive: il volante. Debutta infatti l’innovativo progetto Sayer – dal nome di Malcolm Sayer, designer della storica E-Type – vale a dire un componente che non serve solamente a guidare la vettura qualora si rinunci alla gestione affidata alla sola intelligenza artificiale, ma che diviene un vero e proprio oggetto della vita comune, in grado di registrare preferenze, desideri, impegni e viaggi del conducente/passeggero. Si tratta, anzi si tratterà, di un elemento amovibile con le funzioni di un comune device portatile, quindi capace di accedere alle news e organizzare gli appuntamenti del proprietario. Tablet e smartphone hanno le ore contate?


Dal 2020 a tutta elettrificazione
Lo sviluppo della Future-Type e del volante Sayer rientra nel più ampio progetto di elettrificazione della gamma del costruttore inglese. Dal 2020, infatti, ogni nuovo modello del Gruppo Jaguar-Land Rover avrà una versione a zero o ridotte emissioni. Vale a dire ibrida, anche plug-in, o alimentata esclusivamente a batteria. Il primo frutto di questa strategia è la i-Pace, SUV sportiveggiante a propulsione totalmente elettrica attesa al debutto nel 2018.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese