Jaguar XE, XF ed F-Pace MY17: nel nome del 4 (cilindri)

15 febbraio 2017 - 12:02

Parata di novità per Jaguar al Salone di Ginevra. La Casa inglese, dopo aver rinfrescato la coupé/roadster F-Type, aggiorna la gamma delle berline XE ed XF, oltre a intervenire sulla crossover F-Pace. A dotazioni inedite si accompagnano l’introduzione di nuovi motori e l’affinamento dei propulsori già esistenti.

Ebbene sì, il downsizing colpisce anche la raffinata XF, berlina lunga quasi 5 metri avversaria diretta di BMW Serie 5 e Mercedes-Benz Classe E. Il model year 2017 porta infatti in dote il 4 cilindri 2.0 turbo a iniezione diretta della benzina già appannaggio della “sorella minore” XE, proposto negli step da 200 cv (20t) e 250 cv (25t). Entrambi abbinati al cambio automatico a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia, ma nel primo caso con la sola trazione posteriore, nel secondo con le 2WD al retrotreno o le quattro ruote motrici a gestione intelligente. Duplice opzione di trazione anche per la 25d, vale a dire la variante equipaggiata con il 4 cilindri 2.0 biturbo Diesel da 240 cv e 500 Nm di coppia (una novità). Diversamente dal passato, tutte le vetture offrono di serie il sistema Configurable Dynamics che permette di armonizzare la servoassistenza dello sterzo, l’erogazione del motore, la taratura delle sospensioni adattive (qualora presenti) e la logica di gestione del cambio in funzione di diversi programmi di marcia. Quanto alle dotazioni, debuttano il portellone ad apertura gestuale, i sedili Luxury pluriregolabili elettricamente per la versione Portfolio e un arricchimento del reparto sicurezza.

Sulla falsariga della XF, anche la crossover F-Pace vede ampliarsi l’offerta dei propulsori a gasolio. Debutta così la versione entry level E-Performance, mossa dallo step da 163 cv del 2.0 turbodiesel – prima proposto con una potenza minima di 180 cv – abbinato al cambio manuale a 6 marce e alla sola trazione posteriore, così da percorrere mediamente 20,8 km/l. Inedita la combinazione del 2.0 td da 180 cv con le 2WD al retrotreno e il cambio automatico, mentre il nuovo 4 cilindri 2.0 biturbo diesel da 240 cv e 500 Nm di coppia porta in dote le 4WD e la trasmissione automatica a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. È una novità, infine, anche la versione 25t a benzina da 250 cv.

La “piccola” di casa Jaguar, vale a dire la berlina XE, condivide con la sorella maggiore XF le nuove motorizzazioni. Alla versione da 200 cv del 2.0 turbo benzina, già in gamma, si affianca così lo step da 250 cv, mentre la variante sportiva S, mossa da un V6 3.0 a benzina sovralimentato mediante compressore volumetrico, vede la potenza crescere da 340 a 380 cv. New entry, anche in questo caso, il 2.0 biturbo Diesel da 240 cv, in grado di far scattare la vettura inglese da 0 a 100 km/h in 6,1 secondi, la previsione di serie per tutte le versioni del sistema Configurable Dynamics e il display da 12,3 pollici della strumentazione integralmente digitale. Sostanzioso upgrade, infine, per il reparto sicurezza che si avvale ora della frenata automatica d’emergenza, della segnalazione d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco e del rilevamento automatico dei pedoni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese