Nuova Nissan Qashqai, la prova. Più spazio e tecnologia

Abbiamo provato su strada la terza generazione della Nissan Qashqai, che volta pagina rispetto al passato. Orfana dei motori a gasolio, è più grande ma più leggera del modello uscente e punta anche sulla tecnologia per rendere i viaggi comodi, sicuri e rilassanti.

Live

La terza generazione della Nissan Qashqai, che arriverà entro l’estate nelle concessionarie, ha un compito davvero difficile. Deve raccogliere infatti la pesante eredità delle antenate, che hanno dapprima inventato e quindi dominato (soprattutto la prima, che ha goduto di un monopolio di fatto – e meritato – per diversi anni) il segmento delle crossover compatte, totalizzando oltre 5 milioni di unità vendute. Il mercato, tra l’altro, si è nel frattempo popolato di rivali molto agguerrite che scalpitano per farsi largo. In Giappone non hanno però dormito sugli allori, si sono rimboccati le maniche e hanno affinato per bene un progetto vincente.

Nissan Qashqai 2022

Cresce ma non troppo

La nuova Nissan Qashqai nasce sulla base della piattaforma modulare CMF-C e sfoggia un’aria più importante che in passato. Ora è lunga 443 cm, 4 più di prima, mentre la larghezza e l’altezza crescono rispettivamente di 3 e 2 cm. Misura a parte, la vera svolta è però stilistica, con una carrozzeria disegnata con linee più tese. A lati della mascherina trapezoidale spiccano fari a LED affilati come la lama di una katana, mentre i tagli verticali agli angoli dei paraurti fanno di tutto per far sembrare questa Nissan ben piantata sulla strada.

Nissan Qashqai 2022 grigia

Dieta ferrea

Il colpo d’occhio non deve però ingannare. Anche se è più grande, la nuova Nissan Qashqai è più leggera della progenitrice. Sulla bilancia segna una sessantina di chili in meno rispetto al passato, grazie ai molti componenti in acciaio ad alta resistenza, alle porte, al cofano e ai parafanghi in alluminio, oltre che al portellone in materiale composito. Aprendo quest’ultimo, tra l’altro, si accede a un bagagliaio che vede la capacità crescere di 74 litri, per un totale di ben 504 litri, e che abbassa anche la soglia, semplificando le operazioni di carico e scarico.

Nissan Qashqai 2022 bagagliaio

Ambiente hi-tech

Il salto generazionale è evidente anche nell’abitacolo. Gli arredi della Nissan Qashqai hanno un disegno moderno ed essenziale. Al primo colpo d’occhio impressiona soprattutto il mobiletto centrale, che con la sua ampiezza dà un certo tono all’insieme. Nella parte centrale della plancia tiene banco lo schermo del sistema multimediale, che è al passo con i tempi in fatto di connettività.

Già sulle versioni intermedie il display da 9 pollici può infatti essere collegato con Apple CarPlay e Android Auto, ma è quasi pronto per dialogare anche con Google Home e Alexa, oltre che con l’app sviluppata per i servizi Nissan. Il quadro hi-tech si completa sulle versioni di punta con un head-up display da 10,8 pollici e con una strumentazione digitale da 12,3 pollici.

Nissan Qashqai 2022 plancia

Gasolio addio

Una svolta tecnologica c’è anche sotto il cofano. Seguendo a testa bassa le tendenze attuali, la Nissan Qashqai dice addio ai turbodiesel per puntare già tutto sull’elettrificazione, una mossa che – almeno dalle nostre parti –  pare in questa fase forse un po’ avventata. In attesa di sviluppi, la gamma è per ora Mild Hybrid e ruota attorno a diverse varianti di un 1.300 turbobenzina DIG-T già visto su altri modelli a marchio Mercedes e Renault. Qui si può avere con 140 o 158 CV e nel secondo caso la Quashqai può montare anche un cambio automatico CVT Xtronic e la trazione integrale.

Nissan Qashqai 2022 cambio xtronic

Una vasta scelta

Quanto ai livelli di allestimento, il listino della Nissan Qashqai si articola su ben sei versioni: Visia, Acenta, Business, N-Connecta, Tekna e Tekna+. Parlando di sicurezza, la dotazione degli ADAS è completa anche sugli esemplari entry level. I prezzi partono dai 25.500 euro della Qashqai 1.3 b MH 140 CV Visia a cambio manuale per arrivare ai 42.690 euro della 1.3 b MH 158 CV Xtronic 4WD Tekna+. E ora è il momento di passare alla pagina successiva e di salire a bordo per la prova su strada e le impressioni di guida.

Come va