Nuova BMW Serie 7, l’ammiraglia che prevede la strada

Fra i tanti, anche un sistema che legge l'asfalto e tara le sospensioni. Per un restyling che sa di nuovo modello. In arrivo non prima di marzo

16 gennaio 2019 - 13:01

A dirla tutta si tratterebbe di restyling, ma la mano dei tecnici bavaresi ci è andata giù talmente “pesante” che l’ultima release dell’ammiraglia di Monaco si può tranquillamente identificare come nuova BMW Serie 7. E non si tratta solo di abito, anzi.
Doppio rene ingigantito

La modifica estetica che salta maggiormente all’occhio è nel frontale della nuova BMW Serie 7, che conquista un doppio rene in un sol pezzo affetto da “gigantismo”, in pieno stile X7. A fargli da cornice i nuovi proiettori a LED che possono diventare, a pagamento, Laserlight con abbaglianti selettivi. Contemporaneamente, la linea del cofano si alza di 50 mm e il paraurti conquista elementi cromati. Dietro, invece, i due gruppi ottici a LED sono più schiacciati e uniti da una barra di LED rossi. In evidenza anche i terminali di scarico, ora integrati nel paraurti.

La nuova BMW Serie 7 è lunga 5,12 metri (+2,2 cm rispetto a prima) ed è come sempre disponibile anche nella versione a passo lungo, che raggiunge i 5,26 metri. Lateralmente saltano all’occhio i nuovi fregi cromati che partono da prese d’aria create per migliorare il flusso aerodinamico generato nei passaruota. Ma sono nuovi anche i cerchi in lega e le tinte per la carrozzeria. Così come, in ottica comfort acustico, i vetri laterali più spessi di 5,1 mm e lo speciale isolamento creato intorno agli archi passaruota posteriori.
Assistenti vocali (e non solo)

Oltre al volante con i comandi rivisti, la nuova BMW Serie 7 porta al debutto un nuovo sistema multimediale che comprende i comandi vocali: basta rivolgersi all’auto con “Hey, BMW!” per ottenere risposta. Al centro della plancia campeggia uno schermo touch da 12,3″ (gestibile anche con il manopolone dell’iDrive) che fa il paio con quello da 10,25″ della strumentazione. Non mancano nemmeno due schermi dedicati ai passeggeri posteriori. Ampie le possibilità di personalizzazione, dalla pelle alle modanature.
C’è anche ibrida

Il lusso della nuova BMW Serie 7 passa anche dall’ibrido: si chiama 745e ed è mossa da un 3 litri sei cilindri a benzina e da un cuore elettrico sincrono, per 394 cv totali. Per i più tradizionalisti (e incontentabili) c’è la 760Li xDrive, mossa da un ipertrofico V12 da 6,6 litri e 585 cv, per uno 0-100 in 3,8 secondi. In mezzo, la 750i xDrive, V8 benzina da 4.4 litri e 530 cv. E i diesel? La famiglia comprende 730d (265 cv), 740d (320 cv) e 750d (400 cv): le ultime due sono disponibili anche con trazione integrale. Tutte hanno il cambio Steptronic a 8 rapporti.
E la sicurezza?

Non c’è che l’imbarazzo della scelta: la nuova BMW Serie 7 offre una gran quantità di sistemi che migliorano i viaggi e li rendono più sicuri. Si va dal traffic jam assistant evoluto, in grado di gestire sterzo, acceleratore e freno in colonna fino a 60 km/h, al Active Comfort Drive con Road Preview, che “legge” le condizioni del manto stradale e tara di conseguenza le sospensioni attive, diminuendo il rollio. Ma non manca nemmeno il sistema che aiuta ad uscire dai parcheggi stretti, senza che il guidatore debba intervenire sui comandi. E poi, certo, i classici cruise control adattivo con funzione stop&go, Night View con funzione di riconoscimento pedoni e animali, telecamere a 360 gradi…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

nuova Honda Jazz prima foto teaser

Nuova Honda Jazz, ecco la prima immagine ufficiale

Opel
Il mercato italiano “trafitto” dal fulmine

SUV elettrici, Volvo XC40 Recharge è il primo del suo segmento