Nuova Renault Zoe

Nuova Renault Zoe, la risposta all’Honda EV Urban e alle altre elettriche in arrivo

Rivista a fondo, soprattutto nella meccanica, offre fino a 390 km di autonomia ed è più tecnologica

17 giugno 2019 - 18:08

Renault rinnova la Zoe e, tra le altre cose, porta a 390 i km di autonomia. Dopo 5 anni sul mercato – e con l’arrivo imminente di molte concorrenti – i francesi hanno pensato bene di farsi trovare pronti. Ecco dunque batterie più capaci (52 kWh contro i 41 kWh del vecchio modello), che non solo supportano un motore più potente (136 cv contro 88/92, in base alle versioni, del modello che sostituisce) ma assicurano anche un’autonomia di 390 km (ciclo WLTP), contro i 270 della versione precedente. Nuova è anche la presa di ricarica rapida in corrente continua a 50 kW, che si trova nello scomparto dietro al logo Renault nel frontale dell’auto, insieme alla classica presa di Tipo 2 a corrente alternata.

Rivoluzionata dentro

Oltre che nella meccanica, la Zoe è nuova soprattutto dentro: la versione entry level guadagna lo schermo digitale da 10” per la strumentazione, mentre il display multimediale è ora da 9,3” ed è connesso con Renault EasyLink. Visto che la sostenibilità è uno dei focus di questa macchina, già dall’allestimento ZEN è possibile avere rivestimenti in tessuto riciclato al 100% per i sedili. Importante: la nuova Zoe ha freni a disco anche al retrotreno, che aumentano la sicurezza insieme a sistemi di assistenza alla guida come il mantenimento della corsia e il cruise control adattivo.

Poche le differenze estetiche

Invariata la lunghezza (4,08 metri), ritoccato leggermente l’esterno: il paraurti anteriore è stato ridisegnato e ora ospita non solo inserti cromati ma anche nuove griglie laterali che migliorano il flusso d’aria, oltre a dare una sensazione di maggiore “presenza” su strada alla macchina. Aumenta anche la grandezza del marchio Renault, mentre le strisce di led nei gruppi ottici anteriori prendono la forma di “C” comune a tutte le ultime. A proposito di luci, quelle posteriori, anch’esse a LED, hanno un design interno rivisto, più “orizzontale”.

Una “minaccia” chiamata Honda EV Urban

Le concorrenti, dicevamo: una su tutte è la Honda Urban EV, auto di cui i giapponesi stanno rilasciando informazioni col contagocce, ma che sarà una rivale durissima per tutte. Honda infatti ha dichiarato di aver già ricevuto oltre 30.000 manifestazioni d’interesse a “scatola chiusa”, per un’auto che comunque non costerà poco – circa 25.000 euro – a fronte di dimensioni prettamente da citycar e un’autonomia che non dovrebbe superare i 200 km. Rivali della Zoe, anche se non dirette, saranno pure la nuova smart 100% elettrica e la nuova Mini elettrica; tutte auto tendenzialmente più care, ma forti di marchi premium.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Youngtimer – Audi 80, come si diventa premium

brumbrum inaugura uno stabilimento a Reggio Emilia

Maserati GranTurismo Zéda, l’ultima della “specie V8 aspirato”