Peugeot 508 SW First Edition la prima è più chic

Ordinabile online e disponibile in 100 unità, vanta una dotazione di sicurezza al top e un tocco di classe in più

3 ottobre 2018 - 14:10

Fatta la berlina, è la volta della station. E il Salone di Parigi, per un marchio francese, è come il primo appuntamento con una nuova conquista. Così, ecco che sotto i riflettori spunta la Peugeot 508 SW First Edition, allestimento ricco e tecnologico disponibile in sole 100 unità e ordinabile online.


Abito speciale
Da fuori, la Peugeot 508 SW First Edition si distingue per contorno della calandra nero lucido, cerchi in lega da 19” diamantati e colore Grigio Amazonite, l’unico disponibile. All’interno è il legno (essenza Zebrano il nome in codice) a farla da padrone. Oltre agli inserti in plancia, si ritrova perfino nel vano bagagli, fornito di barre antiscivolo. Per non rovinare il prezioso rivestimento, inoltre, Peugeot dà un tappeto supplementare in velluto, dotato di lembi, per proteggere il pianale, la soglia e i paraurti durante le operazioni di carico. Più facili, grazie al portellone apribile elettricamente.

Vede anche di notte

Oltre ai soliti ADAS disponibili sulla gamma 508, la Peugeot 508 SW First Edition vanta il sistema Night Vision, che permette di rilevare di notte o in caso di visibilità ridotta la presenza di esseri viventi davanti al veicolo. Della dotazione di serie  anche la ricarica ad induzione per gli smartphone, la radio digitale DAB ed il touchscreen capacitivo da 10’’ con 3D Connected Navigation: un sistema che prevede il riconoscimento vocale e l’accesso alla gamma di dei servizi connessi TomTom® (autovelox, traffico in tempo reale, prezzi dei carburanti, parcheggi, meteo, ricerche locali). Infine, non manca l’impianto audio Focal con cuffia senza fili firmata dal Peugeot Design Lab. Due i motori: il PureTech benzina da 225 cv e il BlueHDi da 180, entrambi con cambio automatico EAT8.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mazda CX-30
Il crossover compatto che non c’era

Peugeot 508 SW
La sfida tra station wagon è aperta

Auto storiche: convertirle in elettriche. Perché sì e perché no