E siamo a due. Dopo il reveal della nuova Citroën Berlingo è la volta del “multispazio” del Leone: Peugeot Rifter. Scalpitante e in attesa di sfilare sotto i riflettori del Salone di Ginevra 2018. Forte di un look à la page ma anche di tante novità tecniche.

peugeot rifter frontale statico

LUNGHEZZA MEZZA BELLEZZA

Basata sulla piattaforma EMP modificata del Gruppo PSA, la Peugeot Rifter è disponibile in due lunghezze – 4,40 o 4,75 metri, quest’ultima con passo aumentato – e cinque o sette posti. Il bagagliaio è uno dei punti di forza: si va da 775 a ben 4.000 litri. Le porte posteriori sono scorrevoli e modificate per ingombrare meno mentre il lunotto si può aprire separatamente: un vantaggio nei parcheggi stretti. Da fuori, si percepisce la volontà dei designer Peugeot di rendere la Rifter molto più vicina ad una SUV che a una Multispazio: inserti cromati e in plastica si alternano sulla parte bassa della carrozzeria, donando alla Rifter un’aria decisamente elegante.

peugeot rifter interni plancia abitacolo

ABITACOLO DA BERLINA

Ma sono stati gli interni a essere davvero rivoluzionati, con una sensazione lontana anni luce rispetto a quelli del vecchio Partner Tepee. Sulla Peugeot Rifter si trovano infatti l‘i-Cockpit, già comune ad altre vetture del Leone e un generoso display touch da 8″ al centro della plancia, che si sviluppa su due livelli. Importante anche il tunnel centrale, che cela ampi vani portaoggetti. Non manca la possibilità di avere l’head-up display e una pletora di angeli custodi elettronici: cruise control adattivo, avviso di superamento corsia, frenata automatica e avviso angolo cieco.

nuovo peugeot rifter lungo

BENZINA O DIESEL

La Peugeot Rifter è disponibile inizialmente con il 1.2 PureTech turbo benzina da 130 CV con cambio EAT8 oppure 110 cv con il manuale e con il 1.5 BlueHDi, turbodiesel con potenze da 75, 100 e 130 cv (anche con l’automatico a 8 rapporti).
Tutti i motori hanno l’omologazione Euro 6. In futuro arriverà anche una versione 4×4, sviluppata insieme a Dangel. Per ora ci si accontenta dell’Advanced Grip Control, che migliora la motricità sui fondi difficili e dell’Hill Descent Control, che regola autonomamente la velocità in discesa.