Polestar 2 auto elettrica volvo

Polestar 2: Volvo sfida Tesla

La anti-Tesla Model 3 arriva dalla Svezia, ha 400 cv e schizza da 0 a 100 km/h in meno di 5". I pre-ordini sono aperti ma per guidarla bisognerà attendere il 2020.

1 marzo 2019 - 19:07

Chissà se fra coloro che hanno fatto un pensiero sulla Tesla Model 3, qualcuno sarà ora meno sicuro della sua scelta… In effetti questa Polestar 2 è davvero interessante, oltre che molto bella. Per chi non lo sapesse, Polestar è il “braccio elettrico” di Volvo. Nato come divisione hi-performance del marchio svedese, nel 2017 ha sancito la propria autonomia dando forme alla concept Polestar 1; da allora cammina sulle proprie gambe e il suo logo è destinato a campeggiare sul cofano dei progetti Volvo legati alle tecnologie ibride ed elettriche.

COMFORT E PRESTAZIONI AL TOP

Il segmento in cui ci troviamo è quello delle elettriche compatte premium e la Polestar 2 è una fastback a 5 porte realizzata sulla piattaforma Volvo Compact Modular Architecture (CMA). Mossa da due motori elettrici e batterie da 78 kWh (un modulo di 27 elementi integrati sul fondo e co-protagonisti della rigidezza del telaio) è in grado di assicurare 500 km di autonomia e coccolare chi sta a bordo grazie a livelli di rumore e vibrazioni molto ridotte rispetto a un telaio tradizionale. Per Polestar le prestazioni sono la voce più importante del capitolo “piacere di guida”, ecco spiegato il powertrain AWD in grado di erogare 300 kW (408 cv) e 660 Nm con un’accelerazione da 0-100 km/h in meno di 5 secondi.

POWERED BY ANDROID

Il problema della ricarica, legato al sottodimensionamento delle infrastrutture,  continua a essere uno dei punti deboli della diffusione dell’elettrico: l’approccio di Polestar prevede una soluzione digitale che connette auto e smartphone e che, attraverso collaborazioni e accordi permetterà ai clienti di avere comodo accesso ai maggiori e più diffusi network di ricarica. Sempre in tema di tecnologia digitale, Polestar 2 è una delle prime auto al mondo a essere dotata di un sistema di infotainment realizzato con Android che consentirà di avere accesso a tutti i suoi prodotti.

PER CHI NON SI ACCONTENTA

C’è sempre chi vuole di più. Per tutti costoro Polestar ha preparato un Performance Pack che comprende ammortizzatori Öhlins, impianto frenante Brembo e cerchi forgiati da 20″. Ciliegina sulla torta, le cinture di sicurezza color oro come le pinze freno e i tappi delle valvole.
La Polestar 2 potrà essere ordinata esclusivamente online, a un prezzo lancio di 59.900 euro (i pre-ordini sono già aperti su polestar.com) e la produzione prenderà il via a inizio 2020.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto economiche? Ecco le migliori

ferrari_f355_berlinetta gialla + Ferrari F1 anni 90

Youngtimer – Ferrari F355 Berlinetta, bentornato Cavallino

Peugeot 3008 GT Hybrid4 e 508 Hybrid
arrivano le ibride plug-in