Sin dalla nascita, la nuova Renault Scénic ha messo in chiaro di avere un rapporto con la tradizione sereno quanto quello di un gatto con l’acqua gelida. La tollera, ma non la ama affatto. La più recente generazione della monovolume francese, al debutto nel 2016 e declinata anche nella variante a sette posti Grand Scénic, ha così optato per una linea ispirata alla crossover Captur, per delle inusuali finiture bicolore e per cerchi in lega da 20 pollici di serie. Una dotazione, quest’ultima, più unica che rara nel panorama mondiale delle monovolume. Ora la famiglia Scénic si spinge oltre, introducendo sul mercato la versione ibrida del noto 1.5 dCi da 110 cv.

Renault Scenic statica
Il motore elettrico eroga sino a 15 Nm

Si chiama Hybrid Assist la tecnologia dedicata a Scénic e Grand Scénic. Una novità assoluta, tanto da costituire il primo powertrain ibrido della gamma Renault. Più precisamente, si tratta di una proposta mild hybrid, vale a dire con il motore elettrico che non muove autonomamente la vettura, ma che contribuisce all’azione del propulsore endotermico. Quest’ultimo, come accennato, è il noto 1.5 dCi turbodiesel common rail da 110 cv, mentre l’unità a zero emissioni si affida a una batteria a 48 Volt. Durante le fasi di decelerazione, il motore elettrico agisce come un generatore, recuperando l’energia per la rete di bordo e ricaricando l’accumulatore dedicato. In accelerazione diviene invece un propulsore da 10 kW a supporto del 1.5 td, arrivando a erogare, in determinati range di utilizzo, un picco di coppia di 15 Nm.

Il peso cresce di 78 kg

Il sistema Hybrid Assist, nonostante l’aggravio di peso di 78 kg, promette di ridurre consumi ed emissioni di CO2 dall’8 al 10% se confrontato con il “normale” 1.5 dCi da 110 cv. Scénic e Grand Scénic percorrono così mediamente 27,8 km/l anziché 25,6 km/l ed emettono 94 grammi/km anziché 100 g/km di CO2. In aggiunta, le monovolume francesi godono di tutti i vantaggi fiscali e in materia circolazione tipici dei veicoli ibridi, potendo ad esempio accedere alle ZTL e parcheggiare sulle strisce blu.

Renault Grand Scenic interni