Škoda Klement, il futuro a due ruote

Il Concept presentato a Ginevra raggiunge i 45 km/h, copre fino a 65 km e si guida con la pressione e l'inclinazione dei piedi.

5 marzo 2019 - 19:13

In un certo senso si tratta di un ritorno alle origini: svelando il concept KLEMENT al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra, Škoda omaggia infatti il suo passato, quando 124 anni fa iniziò con la manifattura di biciclette realizzate dai fondatori Laurin & Klement.

PENSATA PER I GIOVANI

Questo concept (non è stato deciso se entrerà in produzione) fornisce un’idea della visione del futuro della micro-mobilità in città: elettrica, innovativa e moderna ed è stato progettato per soddisfare i bisogni dei più giovani, che cercano un’alternativa sostenibile all’automobile, semplice da usare, divertente e più veloce e comoda di una tradizionale bicicletta.

COME UN HOVERBOARD

KLEMENT è dotata di un telaio in alluminio con forcella e forcellone monobraccio, al posto dei pedali ha due pedane e non dispone di leve. Per accelerare e frenare KLEMENT bisogna inclinare i pedali in avanti o all’indietro. Se il peso viene concentrato sulla parte anteriore del pedale, il motore accelera. Se il peso viene invece concentrato sulla parte posteriore, il sistema frenante idraulico anteriore equipaggiato di ABS viene attivato, così come la frenata rigenerativa.

FILA A 45 KM/H

Il motore è integrato nel mozzo della ruota posteriore e genera fino a 4 kW, spingendo la e-bike fino a 45 km/h. Le due batterie al litio hanno una capacità totale di 1.250 Wh e assicurano un’autonomia fino a 62 km. Le batterie possono anche essere ricaricate in movimento grazie al sistema di recupero dell’energia in frenata. Il peso è di ciroca 25 kg.

TUTTA LA TECNOLOGIA ŠKODA

Il sistema di luci integrato prevede tecnologia LED per ogni elemento: dal fanale anteriore alla luce di frenata, dagli indicatori nei pedali alla luce diurna. Un supporto per smartphone con ricarica induttiva è posizionato dietro il manubrio. Lo smartphone è essenziale per sbloccare il potenziale di connettività della e-bike. Infatti, può essere utilizzato per connettere KLEMENT a tutte le soluzioni di connettività offerte da ŠKODA, quali la funzione Coming Home, la Chiamata d’Emergenza automatica e la diagnostica e manutenzione remota. I proprietari possono anche programmare un’area geografica ristretta di utilizzo tramite il Geofencing. Molti altri elementi potrebbero essere aggiunti in una versione di serie di KLEMENT, quali i sistemi di assistenza, il Function on Demand o le gomme in mousse, realizzate con una speciale schiuma anti-urto utilizzata anche nelle scarpe da corsa, che permettono una guida comoda e silenziosa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Michelin firma le Camper

Porsche Cayenne Coupé, la SUV tedesca si arrabbia

Bosch wrong-way driver warning, verso la retta via