Skoda Superb Travel Assistant: faccio tutto io…

30 maggio 2018 - 19:05

“Simply clever” è lo slogan che tutti conosciamo e che Skoda ha scelto per caratterizzarsi nel mondo auto. Ossia, automobili che offrono soluzioni pratiche ai problemi quotidiani legati alla vita al volante: dagli ombrelli custoditi nelle portiere anteriori al raschietto per il ghiaccio celato nello sportello del serbatoio, alla torcia LED alloggiata nel bagagliaio, al gancio traino estraibile o al sistema di protezione contro gli errori di rifornimento di carburante.
LA SICUREZZA È DI SERIE
Ora Skoda ha fatto un ulteriore, importante, passo in avanti e ha scelto di completare queste caratteristiche di comfort e praticità con un valore imprescindibile: la sicurezza di guida. A partire dalla ammiraglia Superb sarà infatti di serie (negli allestimenti Style, SportLine e Laurin&Klement) il pacchetto Travel Assistant, composto da Lane Assistant, Blind Spot Detect, Rear Traffic Alert e Smart Light Assistant, che agiscono in sinergia con il sistema radar Adaptive Cruise Control e trovano il necessario completamento con il cambio automatico DSG (disponibile per le versioni 2.0 TDI 150 CV, 2.0 TDI 190 CV e 2.0 TSI 280 CV).

PROVARE PER CREDERE
Tutto bello, sulla carta, ma questa pletora di assistenti elettronici è davvero un aiuto per guidare più rilassati e sicuri? Per dare una risposta Skoda ha organizzato la Superb Intelligent Drive Experience, presso il suo VGI Mobility Lab; una giornata in compagnia dei suoi driver, che ci hanno fatto provare – prima in area attrezzata e poi su strada fino a Reggio Emilia – i principali sistemi dei pacchetti che equipaggiano la Superb.

• Traffic Jam Assistant: in caso di traffico intenso, con Lane Assistant e ACC attivi, assiste il conducente nella guida in colonna intervenendo su motore e sterzo. Il sistema, operativo fino a una velocità massima di 65 km/h, permette all’auto di fermarsi autonomamente e ripartire seguendo l’auto che precede.

• Lane Assistant: grazie a una telecamera l’auto riconosce le delimitazioni della carreggiata e agisce sullo sterzo per mantenere attivamente il veicolo al centro della corsia.

• Blind Sport Detect: i sensori rilevano i veicoli in avvicinamento laterale o posteriore misurandone distanza e velocità. Se il conducente inizia una manovra di cambio corsia, in una situazione riconosciuta come critica, il sistema attiva i LED di segnalazione e, in casi estremi, con Lane Assistant attivo, interviene sullo sterzo.

• Rear Traffic Alert: aiuta il conducente in retromarcia, monitorando la parte posteriore e laterale con sensori. Se rileva oggetti in movimento, il sistema allerta il conducente e interviene con la frenata automatica in caso di situazioni critiche.

LA RISPOSTA È “SÌ”
Sì, dopo aver provato con i giusti consigli, preso confidenza con i sistemi e imparato a fidarsi del loro intervento, ci si rende davvero conto non solo delle situazioni potenzialmente critiche che questi possono scongiurare (la “banale” retro nel parcheggio del supermarket affollato è un esempio chiaro a tutti), ma anche del maggior relax in viaggio che sono in grado di garantire.
Attenzione, questo non vuole dire che ci si può permettere di distrarsi di più perché tanto la macchina ci mette una pezza, ma che a parità di concentrazione la macchina interviene per aumentare il livello di comfort e sicurezza.
E nulla mi ha convinto di più di Cruise Control Adattivo e Traffic Jam Assistant, due soluzioni di quelle che ti fanno dire “mai più senza”…
Non è più necessario muovere le mani intorno al volante come un tastierista rock, smanettando con i comandi del cruise control per diminuire o aumentare la velocità e staccare o richiamare le impostazioni. E guidare in colonna, situazione sempre più frequente sulle strade che collegano le grandi città, è molto meno snervante e stressante, con il risultato aggiuntivo che quando arrivi in ufficio sei anche più affabile con i colleghi e bendisposto con il capo…
ANCHE LA CONNETTIVITÀ È DI SERIE
Si dividono in Infotainment Online e Care Connect e sono i servizi di connettività di Skoda Connect che, dopo aver debuttato su Kodiak, arrivano su Superb (sono di serie a partire dall’allestimento Ambition).

Nello specifico, i servizi di Infotainment Online sono inclusi per un anno nei sistemi di navigazione e permettono di accedere a informazioni utili aggiornate in tempo reale utilizzando la connessione dati dello smartphone o attivando un abbonamento per l’auto.
I servizi Care Connect sono invece il cuore del sistema Skoda Connect e includono le funzioni Service Proattivo (trasmette le informazioni inerenti le necessità di manutenzione della vettura all’officina scelta in fase di registrazione, così da facilitare per esempio, la prenotazione dei tagliandi). Accesso Remoto che permette di accedere alle impostazioni e allo stato della vettura in ogni momento, grazie all’App dedicata. Chiamata d’emergenza che fornisce assistenza attraverso il call-center di emergenza Skoda in modo automatico o manuale. Con l’acquisto dei servizi Care Connect, i servizi di Accesso Remoto saranno inclusi per 1 anno mentre il Service Proattivo e la Chiamata d’emergenza rimarranno in funzione gratuitamente per 14 anni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MINI Clubman JCW posteriore

MINI Clubman John Cooper Works, 306 cv con stile. La prova

Volkswagen Golf 1974 grigia

Youngtimer – Volkswagen Golf, storia delle prime 7. In attesa dell’ottava

Volvo XC40 milano

Volvo XC40, i motivi di un successo. Test [VIDEO]