Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero emissioni. A un prezzo base di 200.000 dollari (circa 170.000 euro).

Tesla Roadster MY20 dinamica

Tesla Roadster – La più performante di sempre

Non ha nulla da invidiare alle più recenti hypercar. La seconda generazione della sportiva californiana – la prima, venduta dal 2008 al 2012, si basava sulla struttura modificata della Lotus Elise – si candida a Tesla più performante di sempre. La più potente, la più costosa e, oltretutto, l’auto con la maggiore autonomia mai realizzata da Elon Musk. Un nuovo mondo.

Tre motori elettrici

Potrà contare su 10.000 Nm di coppia. E no, non ci è scappato uno zero. La supercar americana promette di scavare l’asfalto, complice la batteria da ben 200 kWh. Per un confronto, la Model S P100D attualmente a listino, accreditata di 610 Cv, non va oltre i 100 kWh. Come se non bastasse, percorrerà quasi 1.000 km a ogni ricarica (998 km, per la precisione) e verrà mossa da tre motori elettrici – uno in corrispondenza di ciascuna ruota al retrotreno e il terzo all’avantreno – cui conseguirà la disponibilità della trazione integrale a gestione elettronica. Sebbene non sia stata dichiarata la potenza della vettura, la nuova Roadster, secondo quanto affermato dalla Tesla, scatterà da 0 a 96 km/h in 1,9 secondi (!) e raggiungerà una velocità massima di 402 km/h. Performance degne di hypercar dal prezzo dieci volte superiore.

Tesla Roadster MY20 interni
Carrozzeria targa e abitacolo 2+2

Estrema al punto da non poter ospitare nemmeno uno spillo oltre al guidatore? No, in realtà no. Anzi. La nuova Tesla Roadster promette un’abitabilità sorprendente per quattro persone a fronte della configurazione di carrozzeria targa con il tetto in vetro amovibile e riponibile sotto al cofano anteriore. Non meno rivoluzionaria l’aerodinamica, caratterizzata dal fondo piatto, da un imponente estrattore e da appendici integrate che non “sporcano” la linea filante della vettura, attesa sul mercato entro il 2020. Per prenotare un esemplare sarà necessario versare una caparra di circa 42mila euro. Affrettatevi!

Fonte: Tesla.com