BMW Serie 4 2021, sportiva a muso duro

Prova su strada della nuova BMW Serie 4, che cattura l’attenzione con un frontale reso grintoso dal grande doppio rene e conquista poi regalando un gran piacere di guida su ogni percorso. La gamma comprende versioni a benzina e diesel mild hybrid e ha prezzi che partono da 50.750 euro

LIVE

Dopo aver vissuto per qualche anno all’ombra della Serie 3, con l’avvento della seconda generazione la BMW Serie 4 volta pagina e rivendica a gran voce ruolo da protagonista all’interno della gamma bavarese. Per affermare la sua personalità, la coupé di Monaco non esita ad adottare un look di grande impatto, quasi sfrontato. La scelta sembra pagare, con le prevendite che vanno a gonfie vele. La prova del nove sarà però rappresentata dall’accoglienza del pubblico: il lancio nelle concessionarie è fissato per il weekend del 24 e 25 ottobre.

LE DIMENSIONI CONTANO

L’elemento di spicco della linea è il doppio rene ipertrofico che domina il frontale, un po’ come avviene sulla X7, e che rielabora in chiave moderna la calandra della 328 degli Anni 30. Piace? Non Piace? Ditecelo voi. Quello che ci sembra di poter affermare con certezza, però, è che la BMW Serie 4 2021 ha un notevole potere ipnotico da qualsiasi lato la si guardi. Rispetto al modello che rimpiazza cresce nelle dimensioni e sembra più acquattata sull’asfalto, quasi volesse morderlo, complici la forma schiacciata dei fari a LED (a richiesta anche con tecnologia laser) e paraurti dagli spigoli ben marcati.

Giusto per dare qualche misura, la lunghezza e la larghezza sono nell’ordine di 477 e 185 cm e crescono rispettivamente di 12 e 2 cm. Il resto lo fanno forme sinuose e un tetto sfuggente. con un montante posteriore sottile e molto inclinato.

TALE E QUALE

Aprendo la porta, però, si nota subito come l’originalità si fermi sulla soglia battitacco. La plancia della BMW Serie 4 riprende infatti forme e contenuti di quella della Serie 3, una decisione comunque condivisibile. Gli arredi hanno forme moderne e funzionali, la qualità percepita è ottima e la console centrale rivolta verso il pilota esalta la sensazione di controllo.

A TUTTO SCHERMO

Parte del merito va anche alla scelta di eliminare molti tasti fisici e di far gestire i comandi secondari attraverso lo schermo centrale, lo stesso impiegato dal sistema d’infotainment. Nella sua versione più evoluta raggiunge i 10,25 pollici e permette di accedere a un universo di servizi online attraverso il BMW Operating System 7 e il BMW Intelligent Personal Assistant. La strumentazione hi-tech prevede invece un secondo schermo da 12,3 pollici configurabile a piacere ed è integrata da un head up display che occupa un’area di parabrezza più estesa che in passato.

UN AIUTO DALL’ELETTRONICA

Oltre che sul fronte connettività, la BMW Serie 4 è al top anche dal punto di vista dei sistemi di assistenza alla guida ADAS. Nella dotazione standard entra per esempio l’assistenza attiva dello sterzo a supporto dell’avviso di collisione frontale e dell’abbandono della corsia di marcia. Più in generale, tuttavia, la coupé bavarese ha a catalogo tutti i sistemi più evoluti che aiutano a scongiurare il rischio di incidenti e a rendere più sereno ogni spostamento, in città come in autostrada.

BEST-SELLER DESIGNATA

Al lancio la gamma della BMW Serie 4 prevede cinque versioni, tre a benzina e due a gasolio, tutte offerte solo con cambio automatico sequenziale Steptronic. Con ogni probabilità la best-seller sarà la 420d con un motore due litri turboDiesel da 184 cv e 400 Nm di coppia affiancato da un modulo mild hybrid 48V con un motogeneratore da 11 cv. Questa vettura ha un prezzo di 50.900 euro ed è disponibile anche con trazione integrale xDrive a 53.050 euro. L’entry-level del listino è tuttavia la 520i, due litri turbobenzina da 184 cv e 300 Nm, che viene 50.750 euro. Lo stesso motore potenziato spinge la 430i da 258 cv e 400 Nm, proposta a 56.400 euro, mentre la punta di diamante della gamma è la M440i xDrive, una tre litri a sei cilindri che ha 367 cv e 500 Nm di coppia ed è venduta a 77.000 euro.

IN ARRIVO

Anche senza considerare la variante Cabriolet, di cui già sono state diffuse le prime foto ufficiali, la famiglia della Serie 4 si allargherà nel prossimo futuro.  Dapprima sarà introdotta la M4 e quindi seguiranno altre due versioni Diesel ibride. Si tratta della 430d da 286 cv e della M440d da 340 cv, entrambe equipaggiate di trazione integrale xDrive. Adesso però è il momento di voltare pagina e di passare alle impressioni di guida.

VAI ALLA PROVA SU STRADA