Volkswagen Cross Coupé

Per ora si tratta di un concept, che però farà da base stilistica e concettuale per i prossimi SUV della Casa tedesca. Trazione integrale, due motori elettrici e uno termico, grande spazio a bordo e un look che non si dimentica

Un motore turbo a benzina e iniezione diretta TSI, due motori elettrici, un nuovo pianale modulare trasversale, trazione sulle quattro ruote, 45 chilometri di autonomia in modalità elettrica a emissioni zero. Sono queste le caratteristiche fondamentali della concept VW Cross Coupé, presentata al recente salone di Tokyo ed esplicitamente indicata dalla Casa tedesca come la base su cui verranno sviluppate, concettualmente e per quanto riguarda il design, i futuri SUV Volkswagen.Il prototipo, lungo 4.345 mm, è più lungo di una Golf e più corto di una Tiguan. Il passo di 2.630 mm è molto ampio in rapporto alla lunghezza della vettura, gli sbalzi sono ridotti, le proporzioni e i volumi equilibrati. L’angolo di attacco anteriore è di 24,2°, quello di uscita di 32,5°, ideali per l’utilizzo fuoristrada.Il design è caratterizzato dal cofano motore allungato, dal frontale modernissimo, da parafanghi svasati, finestrini senza cornice, grandi cerchi in lega di 20” con pneumatici 265/45. Sviluppato dal responsabile design del Gruppo Volkswagen Walter de Silva e dal responsabile del design della marca, Klaus Bischoff, questo prototipo sfoggia gruppi ottici con doppio proiettore allo xeno e alette del radiatore che si estendono fino a includere gli indicatori di direzione; i fendinebbia sono a LED.L’abitacolo accoglie comodamente quattro persone, con altrettanti sedili singoli e avvolgenti. I sedili posteriori possono essere abbattuti in avanti: il loro rivestimento posteriore in plastica fa da superficie di appoggio per tavole da surf, biciclette e ogni altro accessorio. La consolle centrale presenta due manopole di regolazione, il tasto del freno di stazionamento elettronico, la leva in alluminio del cambio a doppia frizione a 7 rapporti DSG: davanti a quest’ultima sono posti i tasti di avviamento dei motori. La strumentazione è programmabile dal guidatore; il display visualizza in modo differente le tre modalità Sport (stile di guida sportivo), City (Massima riduzione dei consumi) e Offroad (trazione integrale permanente): ad esempio quella dedicata al fuoristrada riporta la bussola e la cartina topografica.La Cross Coupé ha tre motori, che danno vita a un sistema ibrido. Il propulsore termico è a benzina, iniezione diretta, potenza massima di 150 cv e 210 Nm di coppia; il motore elettrico anteriore ha 40 kW di potenza e 180 Nm di coppia. Entrambi sono collegati all’asse anteriore del veicolo e possono funzionare singolarmente o insieme. All’asse posteriore, invece, è collegato un secondo motore elettrico da 80 kW di potenza e 270 Nm di coppia: è collegato a una batteria agli ioni di litio da 8 moduli e 9,8 kWh di capacità, collocata nel tunnel centrale della vettura, lasciato libero dall’albero di trasmissione, che con la soluzione del motore elettrico posteriore non è più necessario. La batteria può essere caricata da generatori esterni oppure, durante la marcia, dal motore TSI e dal sistema di recupero dell’energia in frenata, su entrambi gli assi.Per la Cross Coupé, che pesa a serbatoio pieno 1.748 kg, la Casa dichiara un consumo nella marcia con motore termico di soli 2,7 litri per 100 chilometri, con 62 grammi di CO2 prodotta per chilometro. L’autonomia complessiva, considerando anche i 45 km in modalità completamente elettrica, arriva a 855 km. Interessanti anche le prestazioni dichiarate: da 0 a 100 km/h in 7”0, velocità massima di 201 km/h con entrambi i motori, 120 km/h in modalità soltanto elettrico.