Cannondale F-Si

Nessun compromesso per quella che per Cannondale è "la" mountain bike da cross-country. Geometrie estreme e soluzioni tecniche evolute, focalizzate esclusivamente alla massima performance. Con un mezzo così non ci sono scuse: gambe e polmoni devono essere all'altezza

2 dicembre 2014 - 22:12

Stiamo parlando di un’arma totale, costruita per essere quanto di più efficace esista per affrontare i moderni percorsi di cross country di Coppa del Mondo. Rigorosamente hard-tail, la nuova F-Si ha una geometria estrema, caratterizzata da un avantreno ripensato in termini di angolo di sterzo, offset forcella, altezza manubrio e lunghezza dell’attacco manubrio, per garantire nel contempo un assetto più basso e una maggiore confidenza nell’affrontare le discese tecniche.

Nella sigla che la contraddistingue, “Si” ha un significato molto particolare. Sta per “System Integration” e indica il concetto che caratterizza le bici Cannondale, a significare che tutte le soluzioni adottate sono funzionali al medesimo obiettivo.

Il cuore di questo concetto è l’Ai Drivetrain (o trasmissione con integrazione asimmetrica) e che consiste nell’asimmetria del nuovissimo carro posteriore e della trasmissione. In pratica, grazie a un offset di 6 mm, il carro e la trasmissione sono spostati di 6 mm verso destra, permettendo alla ruota di essere centrata con il piantone e con la linea mediana della bici, a tutto vantaggio di trazione e reattività. Grazie a questi e ad altri accorgimenti come l’avanzamento dell’attacco del tubo piantone, la nuova F-Si vanta una lunghezza dei foderi contenuta in soli 42.9 cm, un valore incredibile per una Mtb con ruote da 29”.

Sono figlie del System Integration anche le modifiche alla Lefty: la nuova XLR 2.0 100 adotta un fodero in carbonio da ben 44 mm di diametro, ha un offset di 55 mm e misure dedicate in base alla taglia del telaio. Ma anche il nuovo reggisella Save2, più leggero e sagomato per ottenere un offset di 25 mm e garantire una flessione maggiore del 20%, viene incontro ai biker meno pesanti.

A proposito di peso, il solo telaio ferma l’ago della bilancia a 1.022 grammi, ma è l’insieme telaio, forcella, guarnitura, attacco manubrio, serie sterzo e reggisella a impressionare, con soli 4,4 kg.

Il prezzo? Un euro meno di 10.000 per il modello top di gamma, con trasmissione elettronica Shimano XTR Di2.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fox e Polartec, caldi e veloci

Campy Ekar 1×13, nessuno come lui

BH RS1, comfort e prestazioni