Fatty, non parole…

Rick Koekoek, uno dei migliori trial biker sulla scena, si è stufato delle risatine che accompagnano chi pedala su una fatty, così ne ha inforcata una ed è andato nel parco giochi dietro casa...

21 novembre 2014 - 13:11

Nate per non affondare sulla sabbia della California e sulla neve del Midwest, le “Fat” bike si sono evolute (anche per una questione meramente economica) e sono diventate più fruibili, quasi mtb normali, anche se non ancora alternative alle classiche bici alle quali siamo abituati. Geometrie trail, gomme meno grasse, telai leggeri e sospensioni ad-hoc contribuiscono a renderle pedalabili su un ampio range di terreni. La conferma l’ho avuta da quel biker che ho visto correre per intero l’ultima gran fondo alla quale ho preso parte e che era tutto tranne che una scampagnata…

Se liquidate ancora con un sorriso di sufficienza queste nuove arrivate, Rick Koekoek e il suo video non vi faranno magari cambiare idea, ma dimostrano che anche una Fatty può essere molto divertente!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Milano Bike City 2019

rh+, dalla testa ai piedi

Con Bosch alla Top Dolomites