Fantic XF1 Integra, doppia anima Enduro

28 luglio 2017 - 17:07

Con la XF1 Integra Fantic va ad ampliare verso l’alto la sua gamma di e-Mtb. Declinata nelle due versioni Enduro ed Enduro Race, rispettivamente con escursione di 160 e 180 mm, è un progetto completamente nuovo e Made in Italy.
Dietro alle forme della XF1 Integra c’è la mano (pesante) di Stefano Scapin, un po’ mente e un po’ braccio delle biciclette Fantic, e le soluzioni tecniche che la caratterizzano sono figlie del suo pensiero.
RUOTE DI DIAMETRO DIFFERENTE
A partire dalla convinzione che differenziare la misura delle ruote sia fondamentale per la guidabilità di una e-Mtb… Ecco perché troviamo all’avantreno una ruota da 29” con gomme da 2,25″ (ma ci sta anche una 2,4”) mentre dietro è stata scelta una 27,5” Plus con copertura da 3”.
Nel primo caso si tratta di una soluzione che tende ad esaltare la capacità di superare meglio gli ostacoli più grossi, diminuendo l’inerzia e aumentando di conseguenza la precisione. La scelta della Plus al posteriore permette invece di gestire in modo ottimale e trasformare in trazione i 90 Nm di coppia di cui il motore è capace.

MOTORE BROSE EVOLUZIONE
A proposito di motore, Fantic si affida a un’unità Brose. Si tratta del nuovo Drive S, destinato espressamente alle e-MTB, migliorato rispetto alla versione precedente in quanto a capacità di raggiungere la coppia massima a cadenza di pedalata più bassa, di mantenerla per un range più ampio (si parla di 15% fra le 60 e le 90 pedalate/minuto) e con un decremento più lento. Altre peculiarità di questo motore sono una più rapida dissipazione del calore e la funzione ruota libera, che grazie al disaccoppiamento di ingranaggi e motore permette di pedalare senza attriti in caso di batteria scarica o motore spento.

La batteria, da 630 Wh, è realizzata su specifiche Fantic e perfettamente integrata nel tubo obliquo (come vuole l’evoluzione) e contribuisce alla pulizia delle linee che caratterizza il bel look della XF1 Integra.
DUE VERSIONI, DOPPIA ESCURSIONE
La tendenza nel mercato delle e-Mtb è verso modelli sempre più specifici per l’Enduro e il Trail, quelli che per ovvie ragioni traggono maggiori benefici dalla presenza della pedalata assistita. Fantic segue il trend e ha dotato la XF1 di sospensioni Rock Shox da 160 mm (che diventano 180 mm nella versione Race), con schema posteriore a singolo snodo sui foderi obliqui, carro compatto con chainstay da 464 mm, bielletta forgiata e lavorata a CNC e ammortizzatore con attacco Trunnion. Il tutto caratterizzato da una curva di compressione estremamente progressiva per incrementare grip e trazione.
Con riguardo al montaggio, la scelta è caduta su SRAM per trasmissione e freni, rispettivamente GX11 e Guide RE sulla versione da 160 mm ed EX1 e Code R sulla sorella più estrema.

La nostra curiosità di provare la nuova Fantic potrebbe essere soddisfatta all’Eurobike di fine agosto, ma i biker non dovranno attendere che qualche giorno in più poiché l’ingresso sul mercato della XF1 Integra sarà a settembre.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

T°RED Horkokhan, stayer del XXI secolo

Milano Bike City 2019

rh+, dalla testa ai piedi