Il sogno di tutti i progettisti è riuscire ad abbinare comfort e prestazioni e costruire una bicicletta che permetta di pedalare rilassati senza rinunciare all’efficacia. La Wilier Cento10NDR incarna quest’idea e gioca la carta del sistema di ammortizzamento posteriore esclusivo, differente da quanto visto su Pinarello e Trek, per citare due Case che hanno scelto la strada della soluzione meccanica.

Sono sempre di più i ciclisti che si avvicinano alle due ruote performanti ma senza bollori agonistici e chiedono geometrie endurance, freni a disco, possibilità di montare gomme più generose. Vogliono stare in sella molte ore ma senza stress e hanno la necessità di coniugare reattività, leggerezza, performance e piacere di guida.

COMFORT RACING

La Wilier Cento10NDR è una sorta di mutazione genetica: i progettisti Wilier hanno innestato sul DNA racing della Cento10Air (leggi la prova) soluzioni tipicamente endurance come geometrie più comode (con una posizione leggermente più raccolta e rialzata, grazie a un reach minore e uno stack maggiore) e sistema ACTIFLEX, nato per assorbire le sollecitazioni posteriori generate dal manto stradale.

ASSORBIMENTO DELLE SOLLECITAZIONI

Il cuore del nuovo telaio Wilier Cento10NDR è il collegamento tra il tubo sella e i foderi obliqui. Grazie a un link di alluminio e a un dissipatore in tecnopolimero si riesce a dare alla ruota posteriore qualche millimetro di escursione. La rigidità torsionale garantita dal link di alluminio è paragonabile a quella di foderi in carbonio monoscocca tradizionali. Una rigidità torsionale che garantisce prestazioni racing al telaio ma che contemporaneamente permette alla ruota posteriore di muoversi sull’asse verticale in caso di sollecitazioni dovute alle imperfezioni del terreno.
Accoppiato al link c’è il dissipatore, che stabilizza il movimento cinematico del carro. Questo speciale tecnopolimero ha eccellenti proprietà meccaniche, altissima resistenza agli agenti atmosferici e un intervallo di funzionamento in termini di temperatura che va da -40°C ai +150°C. Il dissipatore sarà disponibile in tre colori per altrettanti livelli di densità così da settare l’ACTIFLEX in base al peso del ciclista e al tipo di terreno.

AERODINAMICA E INTEGRAZIONE

Come per la sorella AIR, il telaio della Cento10NDR è stato disegnato secondo le regole NACA-Low-Speed, algoritmi che permettono di dimensionare i tubi con la massima efficienza aerodinamica possibile. Oltre agli algoritmi NACA, un altro importante concetto aerodinamico è stato utilizzato per la progettazione: la teoria di KAMM, per cui tutti i profili hanno la coda tronca per risparmiare peso e aumentare la rigidità torsionale senza inficiare l’efficienza aerodinamica.
Il disegno del tubo sterzo combinato con la speciale forma dei cuscinetti permette di far scorrere internamente al telaio fino a tre guaine grazie alla nuova piattaforma di piega integrata, che accoglie le guaine cambio e freno provenienti dai comandi e le indirizza con la corretta angolatura dentro il tubo sterzo.

FRENI A DISCO O CALIPER? LA SCELTA NON SI IMPONE

Non avete deciso se i freni a disco sono per voi? Niente paura, la Wilier Cento10NDR con lo stesso telaio e la stessa forcella può essere equipaggiata sia con dischi con perni passanti e rotori da 160 mm sia con caliper tradizionali con attacco direct mount e quick release. Una soluzione che amplia le configurazioni disponibili e permette un eventuale upgrade del gruppo frenante. Forcella e carro sono stati disegnati per montare gomme fino a 28 mm, con freni direct mount, oppure fino a 32 mm in caso di freno a disco. Infine, come già per la Wilier Cento10AIR, le sezioni dei tubi nelle varie taglie sono differenziate per far sì che rigidità, comfort e piacere di guida siano gli stessi per ogni misura di telaio.