Wilier Triestina e Pirelli, insieme per un top team

Nasce oggi ufficialmente il nuovo Wilier Triestina – Pirelli Factory Team. Alla base della collaborazione un progetto ambizioso e realistico: portare il Made in Italy al vertice della Mountainbike mondiale.

Il progetto Wilier Triestina – Pirelli, oltre a unire due aziende che rappresentano al meglio l’Italia nel mondo della bici, mira a realizzare il sogno di riportare un team italiano a ricoprire un ruolo dominante nelle classifiche mondiali della MTB, sia nel Cross Country sia nelle lunghe distanze. Il Wilier Triestina – Pirelli Factory Team nasce come naturale sviluppo del lavoro svolto negli anni passati dal team manager Marco Trentin e lo amplia con l’aggiunta di nuovi atleti e nuovi importanti partner. Un gruppo formato da 8 atleti tra cui spiccano le maglie tricolori di campioni italiani Fabian Rabensteiner e Giada Specia, quella di campione Belga di Wout Alleman, ma anche i ricchi palmares di Daniel Geismayr, Samuele Porro, Simone Avondetto, Gioele De Cosmo e Janis Baumann.

L’importanza di essere factory

Le ultime stagioni per la nostra squadra – dice il Team Manager Marco Trentin – sono state davvero esaltanti con grandi risultati in ambito internazionale e soprattutto con giovani atleti che sono cresciuti e insieme a noi hanno raggiunto successi di altissimo livello. Al punto in cui eravamo arrivati era giunto il momento per noi di fare un ulteriore passo in avanti e quel passo era quello di diventare un Factory Team. Grazie a Wilier Triestina abbiamo ora questa possibilità e con l’immensa fiducia di partner storici come Pirelli, Tonello e Autovega i prossimi 3 anni saranno quelli che ci vedranno inseguire obiettivi importanti e ambiziosi. Vogliamo lasciare il segno in ambito internazionale e credo che abbiamo tutte le carte in regola per farlo. In Coppa del Mondo XCO ci presentiamo con una squadra giovanissima, ma che racchiude i migliori talenti futuri, con la squadra Marathon siamo pronti a raccogliere i frutti di un lavoro di molti anni e di definirci ancora una volta come uno dei top team mondiali sia nelle prove sulla lunga distanza di un giorno, ma anche e soprattutto nelle più prestigiose gare a tappe. Non potremmo essere più entusiasti di iniziare questa avventura al fianco di Wilier Triestina, anche perché tutta l’azienda ci ha accolti fin da subito come se fossimo da anni parte della famiglia. Io e i ragazzi non vediamo l’ora di contraccambiare questa grande fiducia”.

Dalle parole di Trentin si capisce che il team Wilier Triestina-Pirelli sarà una squadra dalle forti radici italiane, ma dal respiro internazionale, che mira a crescere ancora di più nei prossimi anni. Il Factory Team ha grandi obiettivi a breve termine nel Marathon, tra cui la vittoria alla Cape Epic, e di medio-lungo termine nel settore XCO dove saranno i giovani i veri protagonisti, pronti a crescere per sognare le Olimpiadi di Parigi e il podio di Coppa del Mondo.

La bici del team

Tutti gli atleti gareggeranno sulla nuova full suspended URTA SLR. Saranno tre le colorazioni usate dal team: una standard – il black matt di serie e due livree speciali fatte appositamente per i campioni nazionali Giada Specia e Fabian Rabensteiner (Italia) e Wout Alleman (Belgio).

Andrea Gastaldello, Executive Chairman di Wilier Triestina: “Con la nascita del Wilier Triestina – Pirelli Factory Team abbiamo voluto fare un nuovo importante passo in avanti nel settore fuoristrada. L’obiettivo di accrescere le nostre quote di mercato e reputazione nel settore MTB a livello internazionale è chiaro già da tempo: prima con la sponsorizzazione del team marathon Wilier 7C Force di Massimo Debertolis – che continuerà anche nel 2022 – e poi con il lancio di prodotti sempre più di alto livello. Nel 2021 abbiamo presentato la full suspended superleggera URTA SLR, un prodotto pensato e prodotto per l’agonista. Una bici che ha tutte le carte in regola per competere e vincere sia nel Marathon che nel Cross country. Questi i motivi che ci hanno spinto a diventare il nuovo title partner del team di Marco Trentin, ora Wilier Triestina – Pirelli Factory Team. L’identità di Factory Team è un chiaro messaggio di come questa squadra sarà direttamente legata alla nostra azienda, per dare supporto allo sviluppo di nuovi prodotti che potranno essere apprezzati da tutti i biker. Siamo fiduciosi di quello che di positivo si potrà raccogliere da un’esperienza del genere, anche perché siamo in buona compagnia. Assieme a noi hanno deciso di prendere parte al progetto brand dal prestigio indiscutibile come Pirelli, Shimano, Fox, Miche.”

“Ci auguriamo di partire da subito con importanti risultati con atleti come Geismayr, Rabensteiner, Del Cosmo, Alleman e Porro in campo Marathon. Nel Cross country la nostra visione di medio periodo, avendo deciso di supportare giovani di grande talento come Avondetto, Specia e Baumann. Con loro pensiamo già ora alle Olimpiadi di Parigi 2024”.

Partner di alto livello

Pirelli è al fianco di Marco Trentin e di molti dei ragazzi della squadra già da molti anni. Con loro sono state sviluppate le coperture XC RC. che sono salite sugli alti gradini delle gare MTB internazionali più importanti. Un lavoro di sviluppo che continua senza sosta e che ora sarà ancora più galvanizzato dal voler mettere in risalto l’eccellenza del Made in Italy con un partner prestigioso come Wilier Triestina.

Per Pirelli – dice Samuele Bressan, Global Marketing Manager di Pirelli Cycling – la piattaforma racing sviluppata assieme a Marco Trentin in questi anni è stata di fondamentale importanza per lo sviluppo della gamma Scorpion e per l’affermazione del marchio nel panorama racing MTB a livello internazionale. I risultati in gara sono la prova della bontà del progetto così come della valenza tecnica del prodotto, sotto tutti i punti di vista”.

“Pirelli è da sempre votata allo sviluppo continuo e lo fa in tutti i campi, dal Motorsport al Ciclismo, con lo stesso approccio. La conferma del supporto a questa squadra e la nuova linfa portata da un brand di prestigio come Wilier Triestina rappresentano un ulteriore trampolino di lancio, che ci proietta a Parigi 2024 con grandi ambizioni”.

foto di Alex Louise