BMW G 310 GS, la prova video

Con la nuova BMW G 310 GS, la Casa di Monaco si apre a un mercato che sta crescendo: quello delle endurine semplici. Anche nel prezzo: la GS mignon costa 6.000 euro.

12 ottobre 2017 - 16:10

EREDITÀ PESANTE

GS, due lettere che per BMW pesano. Divenuta un brand nel brand, la GS oggi non è più “solo” una moto ma un vero e proprio mondo. GS è il bicilindrico boxer della celebre enduro stradale, ma GS 800 è la best seller delle enduro medie. GS è l’Academy, la scuola di guida divenuta un riferimento. GS, soprattutto, è la moto considerata facile e adatta a tutte le situazioni (città-statali-autostrade-fuoristrada), oltre che uno status symbol come l’iPhone per gli smartphone. Ecco perché, anche se di piccola cilindrata, la nuova BMW G 310 GS porta sulle spalle un’eredità molto pesante. Per la prima volta nella storia a Monaco aprono le porte del mondo GS anche ai giovani e a chi non vuole spendere cifre stellari per una crossover.
MOTO FURBE
Dopo aver debuttato nel segmento delle piccole cilindrate con la naked, la 310 R, BMW mette sul piatto la G 310 GS, modello che da una parte riprende i canoni di tutte le GS, come il “becco” e i fianchetti laterali, dall’altra sfrutta gran parte della meccanica della naked G 310 R. L’obiettivo è competere in un segmento di mercato, quello delle piccole enduro, che comincia a diventare interessante perché ha parecchi pretendenti al trono: Kawasaki con la Versys-X 300, Honda con la CRF 250 L, Suzuki con la V-Strom 250 e via così. Moto intelligenti, con un target potenzialmente molto ampio: si va dal giovanotto in cerca di una moto semplice ma sfiziosa, al motociclista di rientro, quello che in sella non sale da anni e vuole riprendere la mano. Senza dimenticare le ragazze, ovviamente.


STESSO CUORE CHE BATTE

Come la G 310 R, anche la BMW G 310 GS sfrutta il monocilindrico raffreddato a liquido da 313 cc con distribuzione bialbero a 4 valvole. È un motore tutt’altro che banale: adotta il cosiddetto cilindro rovesciato, la testa ruotata di 180° (aspirazione davanti, scarico dietro), scelta tecnica che ha permesso di centralizzare le masse. Altra primizia è la distribuzione con bilancieri rivestiti in DLC, come sulla S 1000 RR. Questa e altre tecnologie consentono a questo monocilindrico di raggiungere 34 cv a 9.500 giri e 28 Nm a 7.500 giri. Omologato Euro4, consuma appena 3,3 l/100 km nel ciclo WMTC e ha l’andamento dello scarico leggermente diverso, più alto, pensato per non urtare nella guida offroad.
PIÙ STRADA CHE FUORI
Il telaio è a traliccio in acciaio come sulla R, ma sono cambiati i punti di attacco per le sovrastrutture. Diverse le ruote: la BMW G 310 GS monta cerchi a razze da 19-17” con pneumatici Metzeler Tourance misura 110/80 anteriore e 150/70 posteriore. Per facilitare viaggi ed escursioni fuoristrada aumenta la corsa delle sospensioni, ora di 180 mm per forcella (Kayaba a steli rovesciati di 41 mm) e mono (incernierato al lungo forcellone da 650 mm senza link), con la conseguente modifica delle geometrie, che sono diventate più aperte. L’interasse è di 1.420 mm, frutto anche del perno forcella avanzato, come sulle enduro vere; 26,7° l’inclinazione del cannotto. I freni: davanti c’è un singolo disco da 300 mm con pinza radiale Byre, mentre sono 169,5 i chili in ordine di marcia (con il 90% della benzina), 9 in più della naked. Non manca l’ABS, disinseribile per l’utilizzo in fuoristrada.
EFFETTO GS

L’intento di BMW è evidente: ricreare in versione minore l’effetto GS, cioè un mix ben riuscito tra guida poco stancante, proporzioni e assetto comodo senza essere cedevole. La sella è la stessa della R ma è più alta da terra, 835 mm (optional quella più bassa, 820 mm, e quella più alta, 850 mm); il manubrio è più largo e le pedane sono state avanzate. Intorno al gruppo ottico anteriore, identico alla naked, c’è un piccolo cupolino (non regolabile, peccato) a riparare dall’aria parte del busto. La piccola GS costa 6.000 euro tondi tondi, 850 in più della naked, ed è disponibile bianca, nera oppure rossa. Tra gli optional figurano le manopole riscaldabili, i paramani, il topcase (con relativa piastra), il cavalletto centrale, la presa a 12 V e il navigatore satellitare.

CONTINUA A LEGGERE –> VAI ALLA PROVA

RIDE
PICCOLA? PER NIENTE
Chi ancora crede che le moto di piccola cilindrata siano frutto di progetti “minori” invito dovrebbe fare un giro sulla BMW G 310 GS. Con questa modello BMW dimostra di puntare con serietà alla nuova clientela: i materiali, gli accoppiamenti e anche la guida, nulla è improvvisato. La baby-GS funziona bene, costa il giusto ed è anche più completa della sorella naked. Per questo ha tutto il diritto di essere considerata una vera GS.
BABY GS

A guastare la festa ci sono piccole pecche, per esempio i parafanghi in plastica non molto curati, oppure le leve al manubrio dall’aspetto un po’ povero. Più o meno tutto qui. Si sale sulla sella (bassa) della BMW G 310 GS e ci si trova in mano una moto vera, di dimensioni compatte. È come cavalcare una R 1200 GS ma grande 2/3: la triangolazione è identica. Schiena eretta, braccia larghe e distese, gambe inclinate correttamente: sì, è proprio una GS. Anche i più alti stanno bene grazie alla sella ampia e molto comodo. Di serie mancano la presa 12V e i paramani. E gli attacchi per le borse laterali, ma quelli non ci sono nemmeno optional. Peccato.
EASY TO RIDE
Due rettilinei e una rotonda: è quanto serve per sentirsi a proprio agio con la BMW G 310 GS. Ed è il miglior complimento che le si può fare: grazie a una messa a punto molto azzeccata di motore e sospensioni, nessuno può sentirsi intimorito alla guida. Non è una questione di cavalleria: il peso piuma, ben centrato, la fa danzare nel traffico; il raggio di sterzata è da carrello della spesa e le sospensioni a corsa lunga digeriscono qualsiasi ostacolo (anche i marciapiedi…). È anche più semplice da utilizzare della sorella naked, più nervosa per via delle quote chiuse e delle ruote da 17”. Giusto un paio gli appunti: il cambio non è molto preciso e gli specchi retrovisori sono minuscoli.
AUTOSTRADA NON TI TEMO

Un’altra bella sorpresa arriva percorrendo autostrade o tangenziali. A velocità codice (120-130 km/h) il piccolo pistone gira piuttosto velocemente, a circa 6.500 giri, ma è incredibile quante poche vibrazioni trasmetta al manubrio e alle pedane. La sella non indolenzisce e le braccia non sono mai affaticate. Manca un po’ di riparo dall’aria per il pilota: il cupolino è davvero piccolo e non si può regolare.
LET’S FUN!

Arrivano le curve. La baby-GS non vedeva l’ora. Come già intuito in città, qui ancora di più ci si accorge di quanto influiscano la ruota anteriore da 19” e le sospensioni a corsa lunga. Si guida in maniera tonda e molto naturale perché non c’è mai la sensazione di un avantreno irruento. E se si entra in curva troppo baldanzosi, basta attendere una frazione di secondo per trovarsi di nuovo sulla giusta traiettoria. Adora pennellare le curve grazie alla sua scorrevolezza e alla bontà della ciclistica. Meglio non guidarla frenando tardi e forte, anche perché la forcella così morbida (come il mono) arriva presto a comprimersi del tutto. Solo la frenata potrebbe essere migliore: la potenza non esalta e il comando diventa un po’ spugnoso se stressato oltremisura.
COME IL DUE TEMPI

Il motore ci era piaciuto sulla naked e si conferma ottimo sulla GS. Considerata la cilindrata si comporta molto bene. Rotondo ai bassi (non si può certo pretendere che strappi le braccia) se confrontato con i bicilindrici della concorrenza va la voce grossa in quanto a coppia. Se lo fate girare, invece, diventa un torello: dai 6 e fino a 9.500 giri circa è tutta spinta buona. Le velocità salgono a un buon ritmo e la spinta diventa interessante. Se siete in vena, finirete per guidarla come una vecchia moto a due tempi, tenendo il motore sempre nella zona ottimale per non perdere il ritmo.
PROMOSSA A PIENI VOTI
In BMW sanno bene come progettare le enduro stradali, e la 310 GS ne è l’ennesima dimostrazione. Fatta eccezione per qualche peccato veniale, alla piccola GS non manca nulla. È agile nel traffico, facile e comoda in autostrada, efficace e divertente tra le curve. A ben vedere sono gli ingredienti della R 1200 GS, solo che qui tutto è ridotto all’essenziale. Sognate una GS ma prezzo e pesi in gioco vi hanno dissuaso? Ecco la risposta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Prova nuova BMW Serie 3, con la Giulia nel mirino

Prova Honda CBR650R, bentornata sportiva!

RED300 ep. 22 – BMW X3 M e X4 M, Seat Arona a metano e i prezzi della DS3 Crossback