BMW R 1250 RS, fasatura variabile anche per la sport tourer

BMW-R-1250-RS-2019-010

Il lotto di BMW con motore boxer e cardano si completa con la BMW R 1250 RS, sport tourer rinnovata anche nell’estetica.

6 novembre 2018 - 10:11

C’è anche l’RS

All’EICMA 2018 BMW ha presentato la gamma delle boxer 2019, tra cui la nuova BMW R 1250 RS, sport tourer per eccellenza. La novità principale è chiaramente il motore, che ha debuttato a Intermot sulla R 1250 GS e ora è presente su tutto il resto della gamma. Per sottolineare questa novità, la BMW R 1250 RS ha un cupolino ridisegnato (e molto più bello a parer nostro), nelle linee della carrozzeria e nei fari.
Oversize

Partendo dal motore della nuova BMW R 1250 RS, il bicilindrico boxer raffreddato ad aria e liquido passa da 1.170 a 1.254 cc di cilindrata. Non cambia solo la cilindrata però: il nuovo boxer sfrutta un sistema di fasatura variabile denominato ShiftCam. Scendendo nel dettaglio, l’albero a camme delle valvole di aspirazione può traslare e azionare, a seconda dell’esigenza, due diverse camme: una più morbida, l’altra più adatta agli alti regimi.


Iniezione di prestazioni
L’ingegnosa furbizia della fasatura variabile permette di avere un’erogazione estremamente docile e piena ai bassi regimi ma al tempo stesso potente agli alti (come testimoniato dalla nostra prova della R 1250 GS). E la scheda tecnica dice esattamente questo: ora ci sono 136 cv a 7.750 giri (prima 125) e 143 Nm a 6.250 giri. Il peso però è cresciuto di 7 kg, ora 243 in ordine di marcia con il pieno.
Lifting

A livello estetico, le novità sono da ricercarsi soprattutto nell’avantreno. La nuova BMW R 1250 RS ha un cupolino dalle linee più affilate e due accigliati fari a Led. Per quanto riguarda l’elettronica, di serie ci sono due modalità di guida (Rain e Road), oltre al controllo automatico della stabilità ASC e l’Hill Start Control, l’assistenza per le partenze in salita. La modalità di guida Pro, optional, include altre modalità di guida che modificano molti parametri, tra cui la mappatura del motore e il controllo di trazione DTC (Dynamic Traction Control), che sfrutta i dati della piattaforma inerziale. Di serie invece ci sono l’ABS Pro e il DBC (Dynamic Brake Control): quest’ultimo ripartisce automaticamente la forza frenante tra anteriore e posteriore in caso di frenata d’emergenza per mantenere stabile l’assetto.

Optional sulla BMW R 1250 RS il Dynamic ESA Next Generation. Sono le sospensioni semi-attive che, sfruttando i sensori della piattaforma inerziale, regolano non solo l’idraulica ma anche il precarico del mono in maniera automatica adattandosi al peso. Optional rimangono la chiamata automatica d’emergenza e sella e cerchi del catalogo “Option 719”. La strumentazione TFT a colori con schermo da 6,5 pollici invece è di serie. È disponibile in diverse colorazioni e pacchetti accessori.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sotto la lente – Nolan N70-2 X

Dunlop Trailmax Meridian, “globetrotter approved”

Ducati Monster 1200 S Black on Black

Ducati Monster 1200 S, Black on Black di nome e di fatto