BMW R 1250 GS Adventure

Il nuovo motore della R 1250 GS equipaggia ora tutta la gamma delle boxer di BMW e a partire dalla regina del viaggio senza confini: la Adventure

6 novembre 2018 - 10:11

1250 per tutti. E’ il diktat della Casa di Monaco che ha deciso di equipaggiare in un solo colpo tutta la gamma delle maxi bicilindriche “R” con il rinnovato motore da 1254 cc con fasatura variabile. La prima ad ottenere il prezioso e performante aggiornamento tecnologico è stata ovviamente l’icona del marchio e regina del mercato: la nuova R 1250 GS.
Boxer di famiglia

In cascata è poi toccato a RT, RS, alla naked R e ovviamente alla R 1250 GS Adventure. Quest’ultima si rinnova ma, come sempre accade per la più possente delle boxer in famiglia, le modifiche rispetto alla sorella standard ci sono e riguardano in particolar modo la ciclistica. E’ dunque sbagliato pensare ad un semplice trapianto di cuore perché le misure, praticamente tutte, sono diverse da quelle della R 1250 GS e anche da quelle della precedente Adventure.

I segreti del boxer sono stati svelati nella prima anteprima della R 1250 GS avvenuto poco tempo fa e racconta di prestazioni che raggiungono il valore di 136 cavalli a 7.750 giri contro i precedenti 125, 143 Nm di coppia.
Ciclistica dedicata

La Adventure conferma il comparto sospensioni a lunga escursione con 210 mm di corsa all’anteriore e 220 mm al posteriore mantenendo saldamente lo schema tecnico del Telelever con steli da 37 mm e dietro il cardano con Paralever e ammortizzatore progressivo WAD regolabile nel precarico e in estensione. Opzionale la regolazione elettrica Dynamic ESA che agisce sia all’anteriore sia al posteriore. Di serie l’ASC Automatic Stability Control e l’indispensabile Hill Start Control che facilita le partenze in salita con moto a pieno carico.
Stili di guida

Anche per la GS Adventure vale la regola dei Riding Mode opzionali che si aggiungono a Rain e Standard e prevedono le varianti Dynamic e Dynamic Pro. Quest’ultimo è configurabile a seconda delle esigenze del rider al pari delle alternative dedicate al fuoristrada: Enduro ed Enduro Pro. La configurazione Enduro Pro è adattabile a specifiche esigenze di guida compreso l’utilizzo dell’ABS che permette il bloccaggio della ruota posteriore. Tra le novità più interessanti segnaliamo il Dynamic Brake Control DBC che in caso di frenata di emergenza migliora l’azione di rallentamento della ruota posteriore.
Più stabilità
L’aggiornamento più importante di GS riguarda la zona dell’avantreno in virtù del maggiore peso in ordine di marcia che passa dai 263 kg della precedente versione agli attuali 268 kg. L’interasse è aumentato di 8 mm raggiunge il valore di 1.504 mm complice l’aumento dell’angolo del cannotto di sterzo con l’avancorsa che si mantiene su 95,4 mm di pochi decimi superiore al precedente.

La nuova Adventure mostra  nuove protezioni per serbatoio e motore che si riconosce anche per le diverse cover delle teste dei cilindri; confermati i cerchi a raggi che calzano pneumatici tubeless.
In giro per il mondo

Anche la R 1250 GS Adventure si distingue per i tre package di accessori previsti da Casa madre: Comfort, Touring e Dynamic. Opzioni che non precludono un’ulteriore personalizzazione della maxi enduro di Monaco che passa attraverso un ricchissimo catalogo oltre a una serie di prodotti appartenenti alla categoria più sportiva High Performance: HP parts.

Esistono tre modi di essere GS Adventure: basic Ice grey, Exclusive e HP nei colori ufficiali di BMW Motorrad. Le prestazioni del nuovo motore boxer da 1.254 cc si misurano anche nei consumi dichiarati di oltre 21 km/litro, nello 0/100 km/h in 4 secondi e una velocità massima superiore ai 200 km/h.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Prova Rieju NUUK 110
L’anticonformista

Promozioni moto: Suzuki lancia la campagna estiva per GSX-S750 

Yamaha R1 2020
Tutto sulla nuova Superbike di Iwata