Dakar 2012, stage 9

Classifica in costante evoluzione, Despres in sella alla sua KTM perde ieri un vantaggio prezioso e la testa della classifica e oggi torna leader. Robby Gordon, da eterno secondo,nelle auto conquista la sua prima vittoria di giornate e Peterhansel non è più un miraggio.

L’errore di ieri ha messo il fuoco nelle vene di Despres. Per chi non avesse seguito le vicissitudini della penultima tappa sappia che il pilota ufficiale KTM ha rischiato di buttare alle ortiche l’intera gara finendo intrappolato in una pozza di sabbie mobili. Oggi il pilota francese ha fatto vedere le sue doti di velocista recuperando sul compagno di squadra Marc Coma rifilandogli a fine tappa un parziale degno di essere definito capolavoro di 2’28”. Per entrambi oggi cambio di motore e quindi la sfida tra i due rider KTM si gioca sullo stesso piano tattico e strategico.Buona la prestazione di Juan Barreda Bort che alla seconda partecipazione alla Dakar riesce ad ottenere il terzo miglior tempo di giornata e terzo nella generale si conferma Rodriguez distaccato di più di quarantuno minuti dai primi.Nelle auto si concretizza il sogno di gloria del pilota americano Robby Gordon alla guida dell’Hummer arancione, il quale finalmente oggi riesce a salire sul gradino più alto del podio nella tappa di giornata. Più veloce del leader di classifica Peterhansel di ben 1’38” riduce così il suo distacco dal pilota francese.Se i due piloti davanti stanno facendo gara a sé, alle loro spalle si vive una lotta senza quartiere. Holowzcyc ha un piccolo incidente che permette a Nani Roma di guadagnare altri secondi preziosi e pensare di guadagnare una terza posizione finale in questa edizione 2012Italians do it better.Alessandro Botturi sta facendo del suo meglio e anche oggi porta a casa una dignitosissima quattordicesima posizione che gli conferma l’undicesimo posto in classifica generale e la top ten si fa sempre più concreta. Paolo Ceci meno fortunato si scontra con varie difficoltà: trip master fuori uso, una caduta nella speciale e salta di un waypoint che equivale a 2h25’ di penalità.Claudio Pederzoli si fa valere tra i piloti privati e con il 69° tempo e Franco Picco lo segue a breve distanza in 72a posizione. Menzioniamo Filippo Ciotti in 74a posizione, Nicola Tonetti in 80a e Gian Ernesto Astori saldamente nei 100. Sesto e settimo posto, tra i quad, rispettivamente per Roberto Tonetti e per Camelia Liparoti.Miki Biasion è tornato alla vittoria alla guida del suo truck Iveco con un vantaggio minimo di 20” sul compagno di squadra Stacey. http://youtu.be/MigJIcHzRmIPhoto Credit DPPI