Ducati Hypermotard 950

Cambia il design, ispirato alla prima 1100, per una Ducati Hypermotard 950 più potente, leggera ed ergonomica. Non manca la più sportiva versione SP

4 novembre 2018 - 20:11

Un altro tassello della gamma Ducati trova una inedita e riuscita interpretazione: arriva, infatti, la nuova Hypermotard 950, che si ispira alla prima Hyper, la 1100, evolvendone le linee. Rispetto al recente passato non cambia la base tecnica, visto che il motore è il già noto Testastretta 11°, che però cambia nella potenza massima, che cresce da 110 a 114 cv. Nuovi i corpi farfallati da 53 mm di diametro, con il rapporto di compressione che sale da 12,6:1 a 13,3:1.

Sono specifici per la Hypermotard 950 sia i profili delle camme di scarico, sia l’intero impianto di scarico (silenziatori e coppia di terminali), la centralina e il Ride By Wire. L’80% della coppia è disponibile fin dai 3.000 giri/min. A ridurre il peso del motore bicilindrico (-1,5 kg) concorrono i nuovi coperchi della frizione e dell’alternatore, quelli in magnesio delle teste, il tamburo del cambio alleggerito e il tendicinghia in alluminio anziché in acciaio.
Più leggera

La Ducati Hypermotard 950 è nel complesso più leggera (-4 kg per la standard, -3 kg per la SP, con peso dichiarato rispettivamente di 200 e 198 kg), potenzialmente più maneggevole e meno impegnativa da guidare, considerando l’ergonomia rivista con l’arco del cavallo ridotto di 53 mm, a parità di altezza sella, nonché il manubrio a sezione differenziata con le estremità più aperte di ben 7°.

La nuova Ducati Hypermotard 950 cambia decisamente look rispetto alla 939 che esce dal listino (leggi la prova). Molti elementi appaiono più leggeri ed essenziali, come ad esempio il telaio reggisella, ora a traliccio in tubi di acciaio come la struttura principale, con quest’ultima che contribuisce a ridurre il peso totale insieme ai nuovi cerchi, alla forcella Marzocchi tutta in alluminio e alle flange dei dischi freno nella stessa lega. Tra le novità figura la frizione con comando idraulico e la pompa radiale con serbatoio separato. Diminuisce di mezzo grado l’inclinazione del cannotto di sterzo, da 25,5° a 25°, confermati la misura dell’avancorsa (140 mm) e dell’interasse, con 1.493 mm per la standard e 1.498 per la S.
Piattaforma inerziale a 6 assi

La dotazione elettronica basata sulla piattaforma inerziale a 6 assi Bosch comprende l’ABS Cornering Bosch EVO con funzione Slide by Brake: il livello 1 permette di usare il freno posteriore per derapare e non è associato a un Riding Mode ma è disponibile per la selezione da parte del pilota. Il Ducati Traction Control EVO (DTC EVO) e il Ducati Wheelie Control EVO (DWC EVO), entrambi regolabili su otto livelli, contribuiscono a ottenere la migliore combinazione tra sicurezza e prestazioni. La Ducati Hypermotard 950 è predisposta per il cambio elettronico (di serie sulla SP), per le manopole riscaldabili e per il Ducati Multimedia System (DMS), che permette di gestire lo smartphone relativamente a chiamate in entrata, SMS e musica.

Come sempre sono tre le modalità di guida, cioè Sport, Touring e Urban, l’ultima delle quali con potenza limitata a 75 cavalli. Il nuovo gruppo ottico anteriore sfoggia luci diurne (Daytime Running Light) e ha una forma che ricorda le tabelle portanumero delle supermotard. Gli indicatori di direzione anteriori e posteriori sono a LED, con i primi integrati nei paramani; lo spegnimento dopo le curve è automatico. Dietro una striscia di LED fa da luce e stop. La strumentazione si avvale di un pannello TFT di 4,3″ dalla nuova grafica; sotto la sella è disponibile un’utile presa USB. 
E c’è la SP

La Ducati Hypermotard 950 SP propone la tradizionale colorazione racing, i cerchi forgiati Marchesini, la sella completamente piatta per rendere più agevoli gli spostamenti longitudinali nella guida sportiva. La forcella e l’ammortizzatore Öhlins sostituiscono le unità Marzocchi e Sachs dell’allestimento standard offrono la corsa maggiorata (+15 mm davanti e +25 mm dietro), a beneficio di un maggior angolo di piega (+3°). Il cambio elettronico Ducati Quick Shift (DQS) Up and Down EVO è di serie (optional sulla Hypermotard 950) e sono più sportive le gomme, Pirelli Diablo Supercorsa SP invece che Rosso III.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Honda ADV 150
L’adventure scooter si fa piccolo

Moto Guzzi Open House 2019

Prova Rieju NUUK 110
L’anticonformista