Honda CRF450R & CRF250R m.y. 2013

A metà dell’anno solare le case costruttrici lanciano le novità dell’offroad per la successiva stagione. Anche Honda presenta le sue CRF: la 250, vincitrice del titolo assoluto nelle due coste del Campionato SuperCross Lites americano, si aggiorna in pochi dettagli, la 450 è una moto nuova

31 maggio 2012 - 9:05

CRF450R

La Honda CRF450R protagonista del Campionato mondiale MX1 è la vera novità per Honda, che a dieci anni dal lancio – la prima versione risale al 2002 – si rinnova in modo radicale e, forte del contributo degli ingegneri HRC, punta al titolo mondiale di categoria.

La CRF450R cambia! Il telaio in alluminio è stato rivisto nelle geometrie per ospitare diversamente il monocilindrico all’interno delle travi e della monoculla sdoppiata.  Il monocilindrico cambia carattere, mantiene il suo livello di prestazioni a valori standard per la categoria: 52,1 cavalli e 47,7 Nm di coppia. Oggi a questi motori si chiede più facilità nella gestione della potenza piuttosto che un’ulteriore iniezione di cavalli e sulla 450, che utilizza sempre l’opzione del singolo albero in testa Unicam a comandare le quattro valvole, c’è una resa migliore ai regimi medio/bassi, grazie all’utilizzo di un volano la cui massa è superiore dell’11% rispetto al precedente. Sono aumentati il rapporto di compressione e il diametro delle valvole di aspirazione, è nuova la frizione e il cambio è a cinque rapporti ravvicinati.

Tanto il motore quanto la ciclistica si aggiorna adottando la soluzione della forcella ad aria della KYB-Kayaba, di cui abbiamo parlato in occasione del lancio ufficiale della nuova Kawasaki KX450F. Questa scelta riduce il peso di ben 800 grammi e garantisce un feeling superiore ai piloti soprattutto per la maggior rapidità nell’assorbire scossoni – compressione – e ridistendersi per tornare alla posizione neutra – ritorno – permettendo alla ruota anteriore di avere un contatto costante con il terreno.

La regolazione del precarico aria e non più molla avviene con una comune pompa dotata di adattatore. Anche il forcellone è “vittima” della filosofia 2013: ha una sezione maggiore dei due bracci e quindi offre una rigidità superiore.

CRF250R

Il proverbiale equilibrio Honda si misura sui “pezzi” forti della gamma sportiva perché, a dispetto delle prestazioni che a volte non le permettono di primeggiare nella mera sfida al banco, l’accoppiata con la ciclistica dà risultati sorprendenti. Le Honda sono moto che chiunque può portare facilmente al limite, e alla vittoria; ed è quello che è successo lo scorso inverno oltre oceano, dove le rosse 250 cc hanno battuto gli avversari nel difficile campo di battaglia che è il continente americano.

“Squadra che vince non si cambia”. Un detto che calza a pennello con la CRF250R: non cambia ma, secondo quando detto dai tecnici giapponesi, si migliora per essere ancora più “user friendly” eppure efficace e pungente tra le whoops e i tripli del SuperCross.

Il carattere del monocilindrico a quattro valvole con singolo albero in testa Unicam – esclusiva della casa di Tokyo –, che mantiene le stesse quote vitali, ha ora una diversa erogazione della potenza che favorisce, grazie a una nuova gestione dell’iniezione elettronica, la risposta ai regimi bassi e medi. Il valore di potenza massima della CRF250R si assesta a 38 cavalli, a un regime di 11000 giri e un valore di coppia di 26,2 Nm a 8.500 giri/min. ll cambio è a cinque rapporti e l’avviamento è ancora a pedale. Dal punto di vista ciclistico il telaio a doppio trave in alluminio non riceve modifiche mentre il monoammortizzatore – con leveraggio Pro-link – è stato aggiornato nella taratura dell’idraulica e la forcella Showa da 48 mm di diametro ha molle con un K maggiore; i pistoni interni hanno una sezione maggiore.

I prezzi non sono stati ancora ufficializzati da Honda che attende, visto l’andamento fluttuante dello yen rispetto all’euro, l’arrivo delle due novità presso le concessionarie ufficiali.

Scheda tecnica Honda CRF450R                                      Scheda tecnica Honda CRF250R

Motore monocilindrico 449,7 cc                                               Motore monocilindrico 249,4 cc

Potenza 52,1 cv @ 8.500 giri/min                                            Potenza 38 cv @ 11.000 giri/min

Coppia 47,7 Nm @ 6.500 giri/min                                          Coppia 26,2 Nm @ 8.500 giri/min

Serbatoio 6,4 litri                                                                             Serbatoio 5,7 litri

Peso in o.d.m. 111 kg                                                                      Peso in o.d.m. 105 kg

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Yamaha MT-125 2020, arriva il motore a fasatura variabile

honda_integra_type-r gialla

Youngtimer – Honda Integra Type R, coupé da intenditori

KSR Group, un mondo a due ruote