Kawasaki Ninja H2 SX SE+, ancora di più

La Kawasaki Ninja H2 SX SE+ è più ricca che mai. Sospensioni a controllo elettronico e pinze Brembo di ultima generazione sono le peculiarità

6 novembre 2018 - 11:11

Dopo aver scritto la storia con la sua sportiva sovralimentata H2, Kawasaki l’anno scorso all’EICMA tornò a stupire il mondo con la (super) sport-tourer H2 SX (disponibile anche in versione SE: qui la nostra prova). A un anno di distanza si spinge ancora più in là e presenta la Kawasaki Ninja H2 SX SE+. Che è ancora più esclusiva.

Solo per lei
Sfrutta nuove sospensioni semi-attive KECS (Kawasaki Electronic Control Suspension), sviluppate in collaborazione con Showa (e che abbiamo già provato sulla ZX-10R SE). I livelli di regolazione sono diversi e inclusi negli inediti Riding Mode, che integrano il controllo di trazione KTRC e i Power Mode (di fatto, le mappe motore). Tutto è regolabile anche dallo smartphone tramite connessione Bluetooth e con l’apposita app Rideology. Non è tutto: la Kawasaki Ninja H2 SX SE+ sfrutta la vernice di tipo auto-rigenerante, che ripara i piccoli graffi, ed è equipaggiata con strumentazione a colori e pinze freno Brembo Stylema di ultima generazione.
Basi solide
Il resto è noto: la Kawasaki Ninja H2 SX SE+ monta il 4 cilindri da 998 cc con compressore centrifugo capace di 200 cv a 11.000 giri e 137,3 Nm. Il telaio è a traliccio in acciaio dalle quote molto sportive: 1.480 mm l’interasse, 24,7° l’inclinazione del cannotto di sterzo. Il peso si attesta sui 256 kg in ordine di marcia. Non mancano le manopole riscaldabili, il Quickshifter (up&down), il cruise control e le “Cornering lights”.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il casco integrale, quando la sicurezza non è un’opzione

In Islanda con Honda X-ADV
Diario di viaggio

Alpinestars e Diesel, arriva la capsule di ispirazione racing