Honda CB650R, Café racer di mezzo

L’azienda di Tokyo aggiunge un altro tassello alla saga Neo Sports Café: ecco la nuova Honda CB650R, erede della CB650F.

6 novembre 2018 - 11:11

Che gusto le medie
Se le maxi enduro vanno per la maggiore, è il segmento delle naked di media cilindrata ad essere decisamente interessante e decisamente popolato. Non esserci per le aziende significa perdere vendite pesanti. Ma questo segmento va presidiato bene, la ricetta è semplice, ma azzeccata: peso sotto i 200 kg, potenza attorno i 100-110 cv ed elettronica non invasiva, la formula ideale per divertirsi in strada. E poi serve anche originalità tecnica per distinguersi dalla massa. Dopo essersi messa in mostra tra le naked 1000 con una proposta originale ora Honda, gioca la stessa carta della anche in questo segmento, presentando a EICMA 2018 la nuova Honda CB650R (che sostituisce a catalogo la CB650F). Lo stile è da café racer, come il resto della moderna gamma CB, la meccanica invece deriva dalla sua antenata ma è migliorata sotto numerosi aspetti.

CAFE’ STYLE
La nuova Honda CB650R è ispirata alla CB1000R, ammiraglia della gamma Neo Sports Café. Le linee sono minimaliste, le proporzioni molto compatte. Il peso con il pieno è 202 kg (-6 kg rispetto alla CB650F), ridotto grazie a modifiche apportate a telaio, serbatoio, ciclistica e pedane. La forcella è un’inedita Showa SFF (Separate Fork Function) rovesciata da 41 mm, l’impianto frenante si avvale di dischi di 310 mm di diametro con pinze radiali a 4 pistoncini e i nuovi cerchi in alluminio pressofuso sono più leggeri.

Honda CRF 450XR Dual e Supermoto


PER GUIDARE
Non è tutto: la Honda CB650R adotta ora un manubrio biconico in alluminio, mentre l’ergonomia è studiata per essere un buon compromesso tra comfort e guida all’attacco. L’impianto d’illuminazione è a LED e comprende un nuovo faro anteriore circolare. Anche il quadro strumenti è di nuova concezione ed è costituito da uno schermo LCD a retroilluminazione negativa. Tra le varie informazioni, ha una spia che indica il regime di cambiata ottimale e l’indicatore della marcia inserita.

Rispetto al modello che l’ha preceduta, la Honda CB650R ha un motore migliore. Pur sempre 4 cilindri in linea da 649 cc, grazie al nuovo sistema di aspirazione e di scarico, alla fasatura della distribuzione rivista e al rapporto di compressione aumentato, ora eroga 95 cv (+ 5% rispetto al passato) e allunga fino a 12.000 giri, con una risposta più piena ai medi regimi. Infine, la nuova CB650R adotta una nuova frizione assistita e con sistema di antisaltellamento. Non manca il controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control), che impedisce lo slittamento della ruota posteriore in accelerazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

10 domande (e risposte) su
BMW C 400 GT

Suzuki
Torna la DR BIG?

Honda
Super CBR in arrivo per vincere in SBK