Moto o maxi scooter? Pro e contro

Chi ama le moto probabilmente non guarderà mai uno scooter. E chi cerca pura praticità probabilmente non guarderà mai una moto. Esiste però un’area grigia dove i due mondi sono sovrapponibili per prezzo, prestazioni, pesi e possibilità di utilizzo. L’abbiamo esplorata con BMW F750GS e C650 Sport. Tante situazioni, due tester di statura differente. Vi diciamo come è andata…

4) MISTO VELOCETester 1 –> Alberto La prova del nove per determinare se veramente un maxi scooter possa sostituire una moto è sui tratti veloci. Il livello raggiunto è impressionante, sia come qualità ciclistiche, freni e sospensioni compresi, sia come prestazioni e gusto di guida. La risposta è sì, quindi, si equivalgono, con il vantaggio da parte dello scooter della maggior protezione aerodinamica globale, soprattutto in caso di freddo e intemperie. Sotto certi punti di vista, sul veloce sembra quasi meglio piantato a terra rispetto alla moto, anche per via del baricentro e dell’impatto aerodinamico più favorevole. Il fascino e l’appeal della moto, però, specie in ottica di grandi viaggi, rimane inattaccabile, ma più che altro per un discorso estetico e filosofico. Ovviamente, in caso di crossover come la GS, la versatilità d’uso della moto è superiore in ottica di adattabilità a tutti i terreni, sterrati compresi, dove lo scooter recita il ruolo di pesce fuor d’acqua.Tester 2 –> Maurizio C650 Lo scooter piega senza problemi, come nei tornanti, per coloro che hanno estrazione e indole sportiva, l’unico limite è rappresentato dal cavalletto che striscia sull’asfalto; nonostante ci sia spazio per muoversi sulla sella, non si ha la sensazione che il comportamento dello scooter ne sia particolarmente influenzato, ci si sente quasi come passeggeri.F750GS Non si possono fare pieghe estreme; anche se si è piccoli, spostandosi in sella e spingendo sulle pedane si avverte maggiormente il cambio di comportamento del mezzo, il che trasmette più confidenza e maggio feeling rispetto allo scooter.