News: Victory Hard Ball 2012

La stagione 2012 è alle porte e Victory presenta la Hard Ball, l'ultima novità della casa americana. Manubrio dalle lunghe leve meglio conosciuto come Ape Hanger, colorazione nera opaca e nessuna protezione dall'aria le sue caratteristiche principali. Arriverà all'inizio del nuovo anno

12 dicembre 2011 - 15:12

Carrozzeria nero opaco interrotta da sottili filetti rossi, due grandi borse laterali rigide e un manubrio Ape hanger. In sintesi questa è l’ultima novità della casa americana. Dal cilindro magico del Marchio americano appartenente al gruppo Polaris (un colosso dell’automotive che produce dalla motoslitta al quad) l’unico che si può considerare una vera alternativa all’Harley Davidson, escono a ripetizione interessanti sorprese e interpretazioni originali del mondo custom in salsa B.B.Q. Essenziale è il concetto che secondo noi meglio rappresenta l’idea di questa bicilindrica che rinuncia completamente alle cromature: non un centimetro quadrato di superfice cromata in cui riflettere panorami.

Il motore da 106 pollici cubi/1731 cc è ormai un classico della produzione, è un bicilindrico a V di 50° a corsa lunga – 101×108 mm – con raffreddamento misto aria/olio e singolo albero in testa che comanda le quattro valvole di ogni cilindro. Il bicilindrico è alimentato da un doppio corpo farfallato 45 mm. Tra i dati principali segnaliamo la frizione multidisco a bagno d’olio, cambio a sei rapporti con overdrive e trasmissione finale con cinghia rinforzata con fibra di carbonio.

Questa Hard Ball, nelle intenzioni di Victory vuole essere anche una moto adatta al turismo, non a caso è equipaggiata di serie con due capienti borse laterali. Considerate le sue quote vitali e il manubrio Ape Hanger, cercherà sicuramente percorsi di guida non particolarmente tortuosi. Del resto la posizione con le braccia così rialzate, vanto della vecchia scuola custom e priva completamente di protezione dall’aria, predilige una media velocistica piuttosto bassa e con il casco jet senza visiera. Di serie l’ABS che agisce sui due dischi anteriori da 300 mm flottanti con pinze a quattro pistoni e sul singolo posteriore sempre da 300 mm.

Peso dichiarato a secco 345 kg, un dato che non deve spaventare considerata l’altezza della sella a soli 667 mm da terra. Prezzi ancora sconosciuti. Attendiamo la commercializzazione in Italia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ecodolomites 2019
Tre giorni con Zero Motorcycles

Sotto la lente – Nolan N70-2 X

Dunlop Trailmax Meridian, “globetrotter approved”