Triumph Speed Twin my 2021, ci sono novità

Un mix vincente fra prestazioni e accessibilità, la Speed Twin è l’anello di congiunzione fra le moto classiche e le roadster sportive. Guadagna 3 cv, più coppia e potenza ai medi regimi e una ciclistica più raffinata. Arriverà a fine luglio e costerà a partire da 13.600 euro.

Le prestazioni di una Thruxton con l’accessibilità di una Street Twin. È questo il mix che ha fatto della Speed Twin una delle Modern Classic più amate, anche dai motociclisti di lungo corso e dai gusti raffinati. Per prepararla ad affrontare la nuova stagione, in Triumph le hanno dedicato una serie di aggiornamenti significativi, sia a livello di prestazioni sia di dotazioni.

Motore più efficiente

L’omologazione Euro 5 ha portato anche migliorie, a cominciare da una diminuzione delle inerzie,  quantificata in un 17%, che permette al bicilindrico HT da 1.200 cc di girare più veloce e più in alto di 500 giri. Risultato, 3 cv in più (ora sono 100 cv a 7.250 giri), un picco di coppia più in basso nell’arco di erogazione (con 112 Nm a 4.250 giri) e una riduzione di consumi ed emissioni. L’intervallo di manutenzione rimane lo stesso: ogni 16.000 km.

Ciclistica raffinata

Il piacere di guida era già uno dei punti forti della Speed Twin, ma per mantenere questo vantaggio competitivo, a Hinckley hanno lavorato ancora su questo aspetto. Per il 2021, le sospensioni possono contare su una forcella USD Marzocchi a cartuccia, con steli da 43 mm, che dovrebbe assicurare maggiore precisione e rigore. Al retrotreno sono confermati i due ammortizzatori regolabili nel precarico con corsa di 120 mm. Novità anche nel reparto freni, con l’adozione di una nuova coppia di pinze Brembo radiali monoblocco M50, a quattro pistoncini, che agiscono su dischi da 320 mm. Dietro, ritroviamo la pinza flottante Nissin a 2 pistoncini con disco da 220 mm. L’ABS è naturalmente di serie.

Sempre nell’ottica di una evoluzione del lato sportivo della Speed Twin, sono stati scelti gli pneumatici Metzeler Racetec RR – ottimo compromesso fra grip e stabilità alle alte velocità – montati su nuovi cerchi da 17” in alluminio a 12 razze

Tecnologia ed elettronica

La dotazione di serie della “vecchia” Street Twin non sfigurava, comparata con quella della altre motociclette della medesima categoria. Anche in questo ambito, però, per restare al passo con l’evoluzione del mercato, in Triumph hanno fatto un passo avanti, soprattutto con riguardo ai riding mode: Road, Rain e Sport. La configurazione delle differenti modalità di guida, che grazie al ride by wire regolano sia la risposta dell’acceleratore sia le impostazioni del controllo di trazione, è stata infatti ottimizzata per meglio adattarsi alle situazioni strada e fondo. Per quanto riguarda le altre caratteristiche, ci sono traction control disinseribile, luci e indicatori full LED con faro anteriore DRL, immobilizer e presa di ricarica USB sottosella. Non cambia invece la strumentazione a doppio quadrante, che incorpora un menu digitale a cui si accede tramite un pulsante a manubrio.

Su strada, la Speed Twin è ben bilanciata e intuitiva. La sella, a solo 809 mm da terra e il manubrio largo e vicino, garantiscono ottimo controllo e relax. Ma non fatevi ingannare, la posizione è sufficientemente caricata sull’avantreno per assecondare la guida sportiva

Look e stile

La Speed Twin è il risultato della reinterpretazione dello stile super classico e senza tempo della Bonneville, in chiave contemporanea ee essenziale. La versione 2021 è arricchita di nuovi dettagli e finiture, come le grafiche del serbatoio i parafanghi anteriori e posteriori in alluminio spazzolato, con supporti anodizzati, o i silenziatori a cono in acciaio spazzolato.

Sarà disponibile in 3 varianti colore: Red Hopper, Matt Storm Grey con dettagli gialli, e il classico Jet Black. Per chi non la sentisse abbastanza sua, ci sono oltre 50 accessori dedicati originali Triumph per personalizzarne il look. Sarà in vendita a partire da fine luglio, a partire da 13.600 euro