Yamaha Niken, scommessa a tre ruote

Erede diretto del prototipo MWT-9 presentato a EICMA 2 anni fa, il Niken è il primo tre ruote di grossa cilindrata safe-and-fun. Sicurezza e divertimento andranno a braccetto. Aprirà a un nuovo concetto di “moto”? Yamaha ci crede

25 ottobre 2017 - 16:10

Ci avevano avvisato: “Il mondo dei tre ruote presto non sarà più lo stesso”. Avevano dato un assaggio del loro pensiero con l’MWT-9, il concept tre ruote presentato a EICMA nel 2015. Un anno di silenzio ed eccolo di nuovo sulla scena, con un nome differente, Yamaha Niken, e questa volta molto meno concept – anche se in Yamaha non hanno ancora tolto questo aggettivo è chiaro che si tratta di un prodotto quasi definitivo – e molto più vicino alla produzione di serie. Yamaha ha preso molto sul serio la questione degli LMW (Leaning Multi Wheeler) e prosegue con lo sviluppo di quello che presto potrebbe diventare molto più che un segmento limitato agli scooter.

Se la seconda ruota anteriore porta indubbiamente maggiore sicurezza, è certo che se aumentano i cavalli può anche crescere il divertimento. Yamaha Niken nasce proprio per questo, uno schiaffo alla “normalità” e ai conservatori. Osa, azzarda, muove le acque. Della tre cilindri giapponese MT-09 che aveva in parte dato il nome al prototipo resta praticamente solo il motore (probabilmente stessa cilindrata e potenza), ora abbracciato da un telaio a traliccio in tubi, che supporta l’avantreno basculante realizzato secondo lo stesso schema del Tricity, ossia con un doppio stelo forcella per lato e un quadrilatero deformabile a unire le due parti.
In questo caso gli steli forcella (uno con funzione ammortizzante e regolabile, l’altro con il solo compito di guida) sono montati all’esterno e rovesciati, con un risultato molto aggressivo.

Pochi dati, anzi nessuno, a parte le dimensioni del Yamaha Niken annunciate: lunghezza x larghezza x altezza = 2.150 mm x 885 mm x 1.250 mm. Spulciando le foto spuntano ruote anteriori da 15 pollici (120/70-15, stessa gommatura del TMax con nuovi pneumatici Bridgestone Battlax Adventure A41 dal disegno inedito), la strumentazione digitale, il cruise control e tre riding mode. Per ora è tutto quello che sappiamo ma è già abbastanza per iniziare a parlarne.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Torna il Trofeo Derapage Vent dedicato ai giovani piloti

Horus e Flyon by Caberg

Le migliori moto 125 presentate a EICMA 2019